CONDIVIDI

Non conosciamo il suo nome, ma a guardarla è una bambina normalissima, potrebbe essere la nostra vicina di casa. Per un intero anno questa bambina britannica si è ripresa, un secondo al giorno, raccontando la sua vita. Si inizia e si finisce con il suo compleanno.

Circondata da famigliari e amici, la piccola protagonista gioca, va a scuola, mangia: una vita normale nel Regno Unito. Ma a un tratto qualcosa cambia, si comincia da una malattia, un banale raffreddore, per poi arrivare a scappare, a nascondersi, a fuggire dalla propria casa e rifugiarsi in qualche buco. La piccola è sporca e non ha un aspetto sano, finché non è curata in un ospedale.

La sua vita sembrerebbe riprendersi, finché non spegne la candelina il giorno del suo compleanno: tutto è cambiato, l’ambiente non è felice e intorno a lei ci sono poche persone. La semplice storia di una bambina è il manifesto che Save The Children sta usando per la sua ultima campagna mediatica.

Bombe, disperazione, paura: nel Regno Unito la situazione non è così grave, ma questo è ciò che accade ai bambini che vivono in luoghi colpiti dalla guerra. Il fatto che non avvenga dove vivi tu non significa che non stia accadendo altrove.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here