CONDIVIDI

Il Leone d’oro per il Festival del cinema di Venezia 2014 (la 71a edizione) va al lungometraggio svedese A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence, di Roy Andersson.

É lo stesso regista nato 71 anni fa a Goteborg a ritirare il premio più ambito della manifestazione, ricevuto per mano di Paolo Baratta, presidente della Biennale di Venezia.

Durante il discorso di ringraziamento, Andersson – ex insegnante – racconta di avere sempre consigliato ai propri alunni di vedere una scena di “Ladri di biciclette“.

L’esordio di Roy Andersson avviene nel 1970, con En kärlekshistoria (Una storia d’amore), a cui segue, cinque anni dopo, Giliap. Poi una pausa lunga un quarto di secolo, in cui il cineasta scandinavo si dedica alla realizzazione di spot pubblicitari. Il ritorno sul grande schermo è del 2000, con Canzoni del secondo piano (Premio della Giuria a Cannes), mentre nel 2007 realizza il grottesco You, the Living.

Ecco tutti i premi della 71a edizione del Festival di Venezia 2014:

Leone d’Oro (Miglior film): “A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence” di Roy Andersson (Svezia)

Leone d’Argento (Miglior regia): Andrei Konchalovski (“The Postman’s White Nights”)

Gran Premio della Giuria: “Sivas” di Kaan Müjdec (Turchia)

Coppa Volpi maschile: Adam Driver (“Hungry Hearts”)

Colpi Volpi femminile: Alba Rohrwacher (“Hungry Hearts”)

Premio Osella: “Tales (Ghesseha)” di Rakhshan Banietemad

Premio Marcello Mastroianni: Romain Paul (“Le dernier coup de marteau”)

Categoria Orizzonti – Miglior film: Court di Chaitanya Tamhane

Categoria Orizzonti – Premio speciale della giuria: “Belluscone – Una storia siciliana” di Franco Maresco

Miglior film restaurato: “Una giornata particolare” di Ettore Scola

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here