CONDIVIDI

A 24 anni dal primo film, Toy Story continua la sua incredibile saga che rivoluzionò al tempo il mondo dell’animazione.

In sala dal 26 giugno, Toy Story 4, ci porterà ancora una volta nel mondo di Woody e degli altri.

Un universo di vecchi giocattoli alle prese con i tempi che cambiano, i giochi elettronici e la crescita dei loro amati padroni.

I giocattoli viventi sono pronti a raccontarci un’altra grande storia, tra drammi e risate.

In Italia Toy Story 4 si tinge però di malinconia.

Per la prima volta nella storia della saga, non ci sarà infatti una storica voce, quella di Fabrizio Frizzi che sarà sostituito da Angelo Maggi, doppiatore italiano di Tom Hanks.

Allo storico conduttore rendono omaggio Massimo Dapporto, doppiatore di Buzz Lightyear e Riccardo Cocciante, autore del brano ‘Hai un amico in me’, dal brano di Randy Newman, “You’ve Got a Friend in Me”.

“Fabrizio era una persona incredibile, molto semplice e alla mano –  racconta il cantautore -. Gli dico grazie per essere stato l’amico di tutti”.

Poi continua descrivendo Frizzi come una persona “così pulita, e quindi ‘irregolare’ nell’ambiente del cinema e dello spettacolo. “E’ una perdita che ci ha toccato tutti, ma ci ha lasciato un esempio prezioso e un ricordo rimarrà con noi e con tutta la generazione che l’ha conosciuto”.

Quando l’animazione perde una delle sue voci, il cambiamento è sempre difficile.

Basti pensare a tutti quei cambiamenti che abbiamo visto nel corso degli anni nelle diverse serie, prima tra tutte I Simpson.

La voce di Fabrizio Frizzi nei panni di Woody era per gli spettatori una sicurezza, la voce di un personaggio che conoscevano, che si avvicinava per certi versi all’eroe giocattolo che da quasi trent’anni appassiona generazioni.

Non ci resta che attendere l’uscita del film, ricordando con nostalgia il grande Fabrizio Frizzi e la sua carriera che ha segnato la televisione italiana per sempre.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here