CONDIVIDI

The Danish Girl non è ancora uscito al cinema, ma già se ne parla: non solo per la toccante interpretazione di Eddie Redmayne, vincitore dell’ultimo Oscar come miglior attore protagonista, ma soprattutto perché questo film racconta le vicende di Lili Elbe, una delle prime persone ad aver affrontato un intervento di riassegnazione sessuale ed essere perciò riconosciuta transessuale.

In più, la pellicola nasconde una vera chicca: all’interno dei titoli di coda sono infatti presenti alcuni ringraziamenti, e uno è particolarmente speciale. Il protagonista Eddie Redmayne ha infatti voluto menzionare personalmente Lana Wachowski, la sorella di Andy Wachowski: i due fratelli compongono un eclettico duo di registi, al timone di film famosissimi, come la trilogia di Matrix.

Tutto è cominciato quando Redmayne stava lavorando nel film Jupiter Ascending, per la regia dei fratelli Wachowski. L’attore aveva appena iniziato le sue ricerche per prepararsi al meglio al ruolo di transessuale, e Lana Wachowski gli ha fornito un aiuto fondamentale. “Mi ha suggerito di partire da alcuni libri molto importanti, come il testo di Niels Hoyer su Lili, ‘Man Into Woman’“.

I due fratelli concedono raramente interviste: una delle poche è quella ottenuta durante il Gala di San Francisco per la Human Rights Campaign’s, in cui Lana ha parlato proprio dell’esperienza transessuale. “Per le persone transessuali, stabilire un’identità pubblica e una privata è più complicato, perché in alcune situazioni si sentono senza identità. In diversi casi, inoltre, sono emarginati e maltrattati per le loro scelte, o addirittura uccisi. Questo perché nella nostra cultura la transessualità è vista ancora come qualcosa di strano“.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here