CONDIVIDI
Ph.: Ivana Scimone

É una Vittoria Puccini matura, equilibrata e felice quella che si presenta come ospite della quinta giornata della sessantesima edizione del Taormina Film Fest, manifestazione che sempre ieri ha offerto ai propri ospiti la presenza di Matt Dillon, in mattinata, e di Bo Derek e del fidanzato John Corbett, nel pomeriggio.

La Puccini, arrivata nella cittadina sicula insieme al marito, Fabrizio Lucci, e alla figlia di 8 anni Elena, è intervenuta presso la Sala A del Palacongressi di Taormina, dov’è stata intervistata dal moderatore dell’incontro, il critico cinematografico nonchè direttore artistico del Taormina Film Fest, Mario Sesti.

«L’anno prossimo inizierò una nuova avventura: il teatro» – afferma la 33enne attrice toscana – «una sfida che non mai affrontato prima, perciò mi devo preparare lavorando sodo.»

Una battuta poi a proposito del ruolo che l’ha vista interpretare la giornalista e scrittrice Oriana Fallaci, per una fiction che andrà in onda prossimamente su Rai Uno: «Un’esperienza bella e probante sia di studio e preparazione sul personaggio di questa donna forte e coraggiosa ma anche del contesto storico di cui lei è stata protagonista in modo molto attivo. É stata un’esperienza che mi ha arricchito moltissimo, è stato faticoso ma molto gratificante».

In serata, presso il Teatro Antico di Taormina, Vittoria Puccini ha ricevuto il Premio Cariddi per mano di John Corbett.

[Ph.: Ivana Scimone]

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here