CONDIVIDI

A poche settimane dall’uscita nelle sale di “Star Wars, Il risveglio della Forza”, immergiamoci nell’atmosfera senza tempo della saga più galattica di tutti i tempi. Siete sicuri di sapere tutto sull’universo creato da George Lucas? Ecco a voi 12 curiosità che probabilmente sono sfuggite anche ai più affezionati.

1) La presidentessa della Lucasfilm Kathleen Kennedy ha riferito che durante le riprese di “Star Wars, il Risveglio della Forza” nella scena in cui Ian Solo e Chewbacca mettono piede dentro il Millennium Falcon tutte le persone presenti sul set ammutolirono per via dell’iconica presenza dei due personaggi, di nuovo insieme sull’astronave dopo così tanti anni.

2) Ne “L’Impero colpisce ancora” durante la sequenza in cui il Millennium Falcon attraversa uno sciame di meteoriti, se fate attenzione potreste scorgere una scarpa: gli addetti agli effetti speciali, esasperati per aver dovuto girare la scena l’ennesima volta, avrebbero deciso di lanciare questo insolito oggetto in segno di protesta.

3) Sempre nel V episodio della saga, Luke Skywalker (Mark Hamill) una volta incontrato Yoda sul pianeta Dagobah viene invitato a cena nell’abitazione del maestro Jedi. L’attore dovette sbattere la testa contro il soffitto della capanna per ben 16 volte, prima di riuscire a ottenere la scena definitiva.

Starwarscuriosita

4) Prima che “Star Wars: Una nuova speranza” venisse rilasciato, George Lucas ne mostrò una breve anteprima ad un gruppo di amici registi. La maggior parte di questi, e lo stesso Lucas, erano convinti che il film sarebbe stato un flop e Brian De Palma lo definì addirittura “il peggior film di sempre”. L’unico che ebbe a dissentire con i colleghi fu Steven Spielberg che con lungimiranza predisse che sarebbe stato un grande successo e che avrebbe fruttato milioni di dollari.

5) Tutti i film di Star Wars sono arrivati nelle sale cinematografiche a maggio, mese in cui è nato George Lucas. “Il risveglio della Forza”, in uscita il 16 dicembre in Italia e il 18 negli Usa, sarà quindi il primo a discostarsi dalla tradizione.

6) La parola “Jedi” deriverebbe dal giapponese “jidai geki” termine letterario che si riferisce al genere teatrale che narra le vicende dei samurai. Inoltre il termine viene spesso affiancato al genere “chambara” che significa “combattimento con le spade”.

Starwarscuriosita

7) Anche George Lucas fa la sua comparsa nella saga. Troviamo un suo cammeo nell’episodio III “La vendetta dei Sith”: è il barone Papanoida, e per interpretare questo ruolo si fece dipingere la faccia di blu.

8) Gli ufficiali dell’Impero, guidati da Darth Vader, per scelta di George Lucas, vennero vestiti con uniformi estremamente somiglianti a quelle dei gerarchi nazisti. Il regista infatti pensava che questo fosse un ottimo modo per stigmatizzare ulteriormente la malvagità dell’Impero.

9) Durante i combattimenti, per immedesimarsi pienamente nel ruolo dello Jedi Obi-Wan Kenobi, Ewan McGregor riproduceva con la bocca i rumori delle spade laser (poi eliminati in fase di post-produzione). La stessa idea venne a Hayden Christensen (Anakin Skywalker) che però mise un tale entusiasmo nella sua “imitazione” da spingere George Lucas a farlo smettere subito spiegandogli che gli addetti al reparto sonoro non avevano bisogno del suo “aiuto”.

Starwarscuriosita

10) Le scene ambientate nel Palazzo di Naboo vennero girate nella Reggia Reale di Caserta, cosa che richiese la rimozione dei candelabri presenti alle pareti. Uno dei curatori della reggia, per controllare che lo staff non facesse danni durante le riprese, ha recitato al fianco di Amidala nei panni di uno dei suoi consiglieri.

11) Ne “L’attacco dei cloni” nella scena in cui il senato galattico si alza in piedi gridando, contrariato per la richiesta della regina Amidala di votare una mozione di sfiducia nei confronti del cancelliere Valorum a favore di Palpatine, nell’ angolo in basso a destra si possono vedere alcuni alieni della specie di E.T. l’extraterrestre.

12) La sentenza di PalpatineNon c’è civiltà, c’è solo politica” è una versione alterata e distorta di un’intera sezione del codice Jedi costituita da asserzioni negative seguite da asserzioni positive: “Non c’è paura, c’è solo calma. Non c’è morte, c’è solo la Forza”.

Per completare l’immersione nell’universo Star Wars non ci resta che dare un’ennesima occhiata al trailer dell’ultimo capitolo e aspettare che il 16 dicembre la Forza si risvegli in tutti i cinema.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here