CONDIVIDI

«Sono passati 13 anni da quando è successo, da quando sono stata violentata».

Parla così Sophia Zaccaron, oggi 28enne e protagonista della serie The New Pope di Paolo Sorrentino.

Usa Youtube per racconta la violenza sessuale subita quando era solo una ragazzina.

«All’inizio mi vergognavo molto, non l’ho detto a nessuno, dopo qualche anno sono riuscita finalmente ad aprirmi, a dirlo agli amici, ai parenti. Sono stata seguita, per 9 anni, da uno psicologo. Qualcuno, anche tra i parenti mi chiedeva “che ci facevi lì a quell’ora, ma come eri vestita?”. Stavo andando a scuola, come potevo essere vestita?. Allora sui treni mica c’erano le telecamere».

La violenza è arrivata da 6 compagni di classe che l’hanno drogata e violentata.

«Spero che questo video possa essere realmente d’aiuto a tutte le persone che, come me, hanno subito violenza o che abbiano interesse ad informarsi di più sull’argomento. Occorre divulgare questo genere di messaggio per uscire allo scoperto ed evitare di chiudersi nella paura».

Poi si parla delle mancate denunce.

«Nel 90% dei casi la denuncia non si fa. Le insinuazioni, in circostanze analoghe, sono forti e gravi, fanno più danno di quanto già abbiano fatto le violenze da chi le ha vissute. È come continuare a perpetrare le violenze subite. Mia figlia, all’epoca, si era consultata anche con alcuni avvocati della Valtellina e di altre province. Si è prevenuti, il più delle volte, nei confronti delle donne. Ha preferito lasciare perdere con i Tribunali».

 

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here