CONDIVIDI

Quasi un mese dopo il mondiale brasiliano, è già tempo di calcio d’agosto: fra competizioni amichevoli e primi trofei ufficiali, la stagione calcistica 2014-2015 è sui blocchi di partenza. Un anno sempre insieme al calcio, dunque. Come quello che hanno trascorso i più giovani, che su Boing hanno continuato a seguire la prima edizione del cartone per antonomasia sullo sport più popolare del mondo, quell’Holly e Benji che ha fatto sognare due intere generazioni.

Non c’è solo Holly e Benji, però, nella storia degli anime calcistici: andiamole a (ri)scoprire le sette serie animate da rivedere incentrate sulla palla che rotola.

E se nutrite dei (legittimi) dubbi sul realismo di Holly e Benji, dando un’occhiata ad un episodio dei seguenti titoli, inizierete a rivalutare l’anime basato sul manga di Yoichi Takahashi.

Arrivano i Superboys

Perchè Holly e Benji non è mica il principio di tutto. A fine anni ’60, la moda-spokon travolge il Giappone: nascono in successione manga e anime ispirati agli sport. Da Tommy, la stella dei Giants a L’uomo Tigre, fino a Rocky Joe. Dallo stesso autore dello spokon basato sul pugile, ecco Arrivano i Superboys. Concepito nel ’70, da noi arriva nell’82: su alcuni canali privati era trasmesso col titolo Soccer Boy e Goal. É a tutti gli effetti il pioniere degli anime/cartoni animati sul mondo del calcio.

Palla al centro per Rudy

Il cugino povero di Holly e Benji: Rudy arriva in Italia nell’88, sulla scia del successo di Capitan Tsubasa. Per sfruttare la Holly-mania, l’edizione italiana ha inserito degli inesistenti legami col manga di Takahashi, citando la scuola Saint Francis (quella di Benji Price) come la provenienza di Rudy.

Forza, campioni

Vera e propria meteora di metà anni ’90. Creato nel ’92 e giunto da noi due anni dopo, Ashita he Free Kick subisce la consueta occidentalizzazione dei nomi dei protagonisti: da Takeshi a Nick, da Nozomu a Roberto.

A tutto goal

Alzi la mano che se ne ricorda. Pur ambientato in Italia, Moero! Top striker, produzione franco-giapponese, passò ad inizio anni ’90 totalmente sottotraccia.

Alé alé alé o-o

Forse lo spokon sul calcio più conosciuto, insieme a Rudy, degli anni ’90. Prodotto dalla Toei (Slam Dunk), oltre alla sigla e all’imbarazzante titolo italiano (che deriva dall’originale Aoki densetsu – Shūto!), di Ale Ale o-o si ricorda la morte-shock di uno dei protagonisti, Kubo, avvenuta negli episodi iniziali.

La squadra del cuore

Riecco Yoichi Takahashi, il creatore di Holly e Benji: i tratti di Hungry Hearts ricordano infatti quelli di Captain Tsubasa – Road to 2002, l’ultima edizione dello spokon nato ad inizio anni ’80, arrivata in Italia come Holly e Benji forever. La squadra del cuore, che non ripetè affatto il successo del suo antesignano, venne trasmesso da noi nel 2003 su Italia 1 e poi, anni dopo, su Hiro.

Inazuma Eleven

Qui siamo in presenza di un prodotto senza mezze misure, in cui calcio e fantascienza si uniscono per dar vita ad una sorta di evoluzione di Galactik Football. D’altronde Inazuma Eleven nasce come videogame per Nintendo nel 2008.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here