CONDIVIDI

La Capitale in questa estate è ormai diventata la culla della musica, in particolare del Rock. Dopo i tanti concerti del Rock in Roma, che continueranno fino al 2 agosto e hanno toccato l’apice con il ritorno dopo cinque anni dei Metallica, dopo Luciano Ligabue e dopo i tre sold out da 60 mila posti dell’Olimpico di Vasco Rossi ieri è stata la volta del prestigioso Hard Rock Live. La manifestazione l’anno scorso si era svolta a Londra con la guest star “The Boss” Bruce Springsteen, dove i Negramaro avevano avuto un ruolo di contorno come raccontato da Giuliano Sangiorgi.

La manifestazione ha avuto inizio alle 17 e ha visto susseguirsi su due palcoscenici posti ai lati opposti della piazza 10 band prima dell’arrivo dei Negramaro: The Fratellis, scozzese indie-rock, la formazione inglese Sadie & The Hotheads con la voce di Elizabeth McGovern, i rocker italiani Velvet, i londinesi The Carnabys, il solista Jack Jaselli, il cantante pop britannico Ben Montague, gli emergenti romani Kutso, la band vincitrice globale di Hard Rock Rising Battle of the Bands, i Joyfield, e la band vincitrice della Battle of the Bands Italia, gli El Santo.

Gli ospiti speciali dell’Hard Rock Live sono stati i Negramaro, che sono apparsi sul palco alle 21, e infatti la folla ha invaso la piazza a partire dalla 8 quando i 2000 del pomeriggio sono diventati più di 20 mila. La band di origine salentine ha intrattenuto alla grande il pubblico in uno spettacolo di luci e musica dove hanno ripercorso tutta la loro carriera: da Nuvole e Lenzuola a Parlami d’Amore, passando per Meraviglioso e un’omaggio al grande Franco Califano. La chiusura è stata sulle note di Una storia semplice, preceduta dall’inno scritto in occasione dei Mondiali che hanno voluto dedicare alla città di Roma e all’Italia, Un amore così grande. Rivivi la photogallery del concerto gratuito più atteso dell’estate romana.

Photo Credits: Gianluigi Barbieri

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here