CONDIVIDI

Il “Rischiatutto” di Fabio Fazio ha mantenuto inalterato il format televisivo, il ritmo di gioco così tanto criticato perché troppo lenti per i nostri giorni, ma la figura della valletta ha subito un forte rinnovamento. È lo stesso Fazio, conduttore di “Che tempo che fa”, a presentare l’identità della nuova valletta di Rischiatutto già lo scorso 17 aprile durante la puntata de L’Arena di Massimo Giletti: l’attrice Matilde Gioli.

Milanese classe 1989, la Gioli si fa conoscere dal grande pubblico nel 2014, quando entra nel cast de Il Capitale Umano di Paolo Virzì: grazie al successo di questa pellicola guadagna tre premi e la candidatura come miglior attrice non protagonista ai Nastri d’argento; sempre lo stesso anno compare nella serie di Sky Gomorra, nel ruolo della figliastra dell’avvocato Franco Musi.
Nel 2015 sono tre i registi italiani con cui collabora, visto il successo raggiunto con Virzì: Gianfranco Gaioni in “Solo per il Weekend”, Guido Chiesa per “Belli di papà” e con Francesco Ghiaccio in “Un posto sicuro”.

Prima di dedicarsi alla recitazione, Matilde Gioli, che ha assunto il cognome dalla madre (quello del padre sarebbe Lojacono), si laurea in Filosofia alla Statale di Milano, dopo aver frequentato il liceo classico Cesare Beccaria, sempre nel capoluogo lombardo. Nelle interviste, Matilde parla liberamente delle proprie passioni: dice di aver iniziato la recitazione come hobby e ora, essendo diventato il suo mestiere a tempo pieno, ha dovuto abbandonare il nuoto sincronizzato, suo sport preferito.

Matilde Gioli come Sabina Ciuffini: esame superato?

Fazio, intervistato da Giletti, ha dichiarato di aver scelto Matilde per la stessa “voglia di libertà ed emancipazione” che caratterizzava Sabina Ciuffini, la valletta del grande Mike Buongiorno nell’omonimo show. Ma seguendo il remake, non sembra essere così.

Matilde Gioli non si limita a comparire nella sua bellezza fisica di donna ma si propone in tanti i siparietti con il conduttore: scherza di lui e fa battute e commenti schietti.
Questo genere di teatrino non può che richiamare quello della domenica sera a “Che tempo che fa” con Luciana Littizzetto, la storica figura femminile a fianco di Fazio; e sembra proprio Luciana il modello di ispirazione per le battute e il copione della valletta; tuttavia le somiglianze con la Littizzetto si limitano al copione, poiché poi Matilde appare nella sua bellezza fisica di showgirl.

Anche Sabina Ciuffini fu una valletta rivoluzionaria, per il suo tempo dal momento che fu tra le prime a non apparire come muta bellezza da osservare ma in un certo senso interattiva col conduttore. Il teatrino portato in scena da Mike e Sabina era solo l’inizio di quello che vediamo oggi quotidianamente in vari show televisivi e che ci appare con forza nella nuova coppia Fazio-Gioli.
Il revival di Rischiatutto, insomma, non ha pienamente convinto, ma il rodaggio di Matilde Gioli pare essere uno dei pochi punti a favore dello show, rappresentando, a nostro modo di vedere, una scelta pienamente azzeccata.

[Foto: Rai/Archivio Rai]

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here