CONDIVIDI

La Venere Tascabile è tornata, a modo suo. L’ultima provocazione di Kylie Minogue si chiama Sexercize, il secondo brano, dopo Into the blue, estratto dal suo nuovo album, Kiss me once, disponibile da ieri nei negozi e su iTunes.

Perchè provocazione? Basti dare un’occhiata alla clip della canzone, rilasciata ieri dal canale Youtube di Kylie, in cui l’artista di Melbourne, che va splendidamente per i 46 anni, si trasforma in un’insegnante di fitness a dir poco sensuale.
La fotografia scura e patinata, le palle di Pilates e i movimenti equivoci con le allieve non fanno che accrescere la temperatura del video, confermando l’attitudine della Minogue a richiamare la voluttà.

Let me see you sexercize/Come on, baby (bounce, bounce)/Sexercize/Feel the burn/Sexercize.
I versi insomma sono inequivocabili e tendenti al banale. Non che la discografia di Kylie Minogue si distingua per la profondità dei suoi testi, ma sembra che l’ex Reginetta del Pop voglia insistere sulla fisicità come proprio marchio di fabbrica, forse per esorcizzare lo scorrere del tempo.

D’altra parte siamo da sempre abituati a questa Kylie, sin dai suoi esordi alla fine degli anni ’80, per giungere poi alla sua rinascita professionale, avvenuta all’inizio degli anni 2000, e ancor di più, alla vittoria più grande, quella sul tumore al seno, debellato nel 2006. Da Can’t get you out of my head a Slow, da All the lovers a Red blooded woman, una carriera improntata sulla sensualità.

Ce la farà Kiss me once a far meglio, in fatto di vendite, di Aphrodite, che si era fermato a un milione di copie? La grinta, come sempre, a Kylie non manca.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here