CONDIVIDI
hacker nasa

E’ un italiano di 25 anni il ragazzo che ha violato il protettissimo sito della NASA, sfruttandone alcune debolezze sconosciute e riuscendo a penetrare all’interno dell’infrastruttura web NASA.

A scoprirlo sono stati gli investigatori della polizia postale dopo una lunga indagine coordinata dalla procura di Brescia che ha portato ad iscrivere al registro degli indagati un giovane genio residente a Salò.

Il ragazzo, disoccupato, ha ammesso il suo ruolo e le sue responsabilità. Le accuse che gli vengono mosse sono quelle di eccesso informatico, e danneggiamento di materiale informatico.

Un vero e proprio mago del computer quello che è riuscito ad hackerare i domini collegati alla NASA e a sostituire addirittura la pagina dell’agenzia spaziale italiana con una falsa.

Una mente arguta e capace di capire i buchi sfuggiti anche ai maestri della cyber security USA. Membro del “Master italian hacker team”, il giovane sarebbe caduto per colpa di una rivendicazione. L’annuncio dell’hacking sui social ha infatti permesso di seguire la pista fino a lui.

Durante la perquisizione, gli agenti hanno recuperato varie evidenze che collegano il giovane a una serie di attacchi informatici anche a infrastrutture italiane, come Polizia Penitenziaria Rai, e Regione Toscana. Un vero e proprio genio del web che, risolte le magagne legali, siamo sicuri verrà arruolato da qualche compagnia, o direttamente dallo stato che, a quanto pare ha una seria carenza di personale con queste incredibili capacità.

Il mondo dell’hacking cresce quindi anche nel nostro paese, dando mostra di individui brillanti paragonabili tranquillamente alla scena internazionale e capaci di effettuare attacchi informatici clamorosi, come quello alla NASA.

I reati contestati sono piuttosto gravi, anche se, il danno effettivo è abbastanza limitato e il giovane potrebbe cavarsela senza grossi problemi.

Un primato tutto italiano, quello dell’attacco informatico alla NASA, effettuato inoltre da un ragazzo molto giovane con un probabile futuro da genio dell’informatica.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here