CONDIVIDI
Brasile bolsonaro estremista

Gli occhi del mondo sono puntati sul Brasile, dopo l’incredibile successo del candidato di estrema destra Jair Bolsonaro.

Il personaggio, noto per posizioni estreme e per la violenza del suo linguaggio si è imposto al primo turno sfiorando il 50%, e sbaragliando il partito uscente tra volto da scandali e fallimenti di governance.

Bolsonaro ha praticamente vinto già al primo turno, attaccando inoltre l’opposizione con una forte accusa di brogli generalizzati in tutto il paese. Alcuni suoi elettori inoltre sono andati a votare armati, facendosi foto al seggio mentre impugnano le armi da fuoco.

Bolsonaro viene considerato il Donald Trump dei tropici, la carica di violenza del candidato e probabile futuro governatore del Brasile però, poco ha a che vedere con Donald Trump. Quella di Bolsonaro è stata infatti una vera e propria campagna dell’odio, con attacchi alla minoranza afrobrasiliana, l’incitazione all’utilizzo di armi da fuoco e l’odio verso omosessuali e famiglie non tradizionali. Bolsonaro fa leva sulla religione e sulle tensioni del paese per spaccarlo in due in suo favore.

“Ho la certezza che vinceremo al secondo turno, ci sono due strade per il Brasile. Una è quella della prosperità, della libertà, della famiglia, di Dio e della responsabilità. Dall’altra parte c’e’ il Venezuela”, ha dichiarato in diretta Facebook da casa Bolsonaro, ancora in gravi condizioni dopo l’accoltellamento “Sempre il popolo sta al nostro fianco, con Dio come leader”, ha spiegato poi, con frasi che fanno tremare il mondo intero.

Bolsonaro si è più volte espresso in modo misogino e assolutamente aggressivo. La preoccupazione è come una figura di questo tipo interagirà all’interno del complicato contesto del sudamerica e se una leadership così radicale possa portare  una escalation tra nazioni e a una possibile guerra a sud degli Stati Uniti. Il mondo, sembra muoversi in una direzione piuttosto cupa, almeno per quanto riguarda il Brasile.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here