CONDIVIDI
borsa

Ormai tutti sanno cosa siano le criptovalute; a partire dal 2017 infatti questo tipo particolare di moneta è diventata di pubblico dominio, mentre per quasi 10 anni la sua esistenza era rimasta in sordina. Dopo un periodo d’oro si è avuta una fase di declino, che sembra però destinata ad essere solo un brutto ricordo. Oggi, come ci consigliano anche sul sito https://www.lecriptovalute.org/, è possibile investire in criptovalute in vari modi, a partire dal trading online per arrivare sino alla classica compravendita.

Trading con le criptovalute
Sono vari i broker che presentano criptovalute di vario genere tra gli asset all’interno delle loro piattaforme di trading. Si tratta di asset come tutti gli altri, quindi l’investitore specula sull’andamento delle quotazioni, senza però acquistare nulla. Questo tipo di investimento è particolarmente remunerativo, anche se molto rischioso: per gli affari che non vanno a buon fine si ha la perdita dell’intero capitale investito. Conviene quindi evitare i colpi di testa, prediligendo numerosi piccoli affari, piuttosto che un singolo investimento con somme ingenti. In questo modo si otterranno interessanti introiti, senza rischiare di perdere quote eccessive del proprio capitale.

La compravendita
Chi oggi investe in criptovalute tende a volte a preferire la compravendita. In pratica acquista una o più criptovalute diverse, le mantiene nel proprio portafoglio elettronico e le rivende quando le quotazioni sono in salita. Anche in questo caso gli introiti possono essere significativi, con una dose di rischio altalenante. Ci sono infatti periodo in cui le quotazioni di queste monete virtuali rimangono sostanzialmente ferme, mentre in alcuni momenti si hanno cadute vertiginose o aumenti elevatissimi. Tutto sta nel saper comprendere il momento più adatto per vendere, come del resto avviene sempre nelle compravendite. Tempo fa le criptovalute disponibili erano un numero esiguo, oggi stiamo parlando di centinaia di valute diverse, ognuna delle quali ha specifiche gestioni e quotazioni che vanno da qualche centesimo di dollaro fino a varie migliaia. La scelta della criptovaluta in cui investire è ancora oggi l’elemento fondamentale su cui puntare. Volendo è possibile cercare segnali di trading sui siti specializzati, in modo da avere l’opinione da parte di qualcuno che si intende di questo settore.

Come si comprano le criptovalute
Tutti sappiamo come funziona una compravendita, ma come si comprano le criptovalute? Un tempo chi lo desiderava poteva cercare di minare i bitcoin, cosa per cui oggi servono risorse decisamente non alla portata di chiunque. Oggi per comprare una qualsiasi criptovaluta è necessario avere un account su una piattaforma di cambio. In rete ce ne sono molteplici, prima di attivare il proprio account è bene verificare quali siano le criptovalute gestite dalla singola piattaforma, visto che alcune effettuano una selezione ristretta di ciò che offre il mercato.

Quanto serve per investire in criptovalute
Per quanto riguarda l’investimento iniziale, sono sufficienti alcune decine di euro, ma solo se si ha voglia di attendere a lungo. Sono infatti disponibili sul mercato criptovalute appena nate, il cui valore è in costante ascensa, a partire da cifre irrisorie.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here