CONDIVIDI

Questa sera alle 21:10 su Italia 1 andrà in onda “Il Cavaliere Oscuro – Il ritorno” il terzo e ultimo capitolo della trilogia di Christopher Nolan che ha come protagonista il celebre uomo Pipistrello, iniziata nel 2005 con “Batman Begins“, pellicola che raccontava le origini del supereroe, e continuata nel 2008 con “Il cavaliere oscuro“, in cui Batman si scontrava con il Joker, interpretato da Heath Ledger, nella sua ultima e ancora una volta memorabile performance che gli ha anche fruttato un Oscar postumo.

image

“Il cavaliere oscuro – il ritorno” vede nel miliardario Bruce Wayne (Christian Bale) un uomo in declino, da anni ormai ha deposto la maschera di Batman e si è rinchiuso nella sua magione, dando adito a voci maligne su di lui.

Il suo volontario ritiro dalle scene, 8 anni dopo la caduta del regno di anarchia del Joker, viene però interrotto quando il commissario Gordon (Gary Oldman) scopre un complotto terroristico, guidato dal crudele Bane (Tom Hardy), volto a distruggere dall’interno Gotham City. Batman incontrerà anche la misteriosa ladra Selina Kyle alias Catwoman (Anne Hathaway), un’iniziale nemica che si rivelerà poi un’inaspettata alleata.

image

Christopher Nolan ha affermato che il tema de “Il cavaliere oscuro – Il ritorno” è il “Dolore“, mentre quelli di “Batman Begins” e “Il cavaliere oscuro” erano rispettivamente “Paura” e “Caos“. Inoltre il regista ha ammesso che fino ad un anno prima dall’uscita del film aveva pensato di utilizzare un mix di CGI e scene cancellate de “Il cavaliere oscuro” per consentire una breve apparizione del Joker, solo alla fine dice di aver rinunciato, essendosi reso conto che sarebbe stata una mancanza di rispetto nei confronti di Heath Ledger, e sempre per lo stesso motivo durante tutto il film il Joker non viene menzionato neanche una volta.

Una curiosità riguardo al villain di questo capitolo: durante un’intervista promozionale, Tom Hardy ha dichiarato che le scene più difficili da girare sono state quelle in cui doveva combattere corpo a corpo con Batman. Non per l’impegno fisico richiesto ma perché è sempre stato un fan del supereroe e nel girare quelle scene gli sembrava di colpire l’eroe della sua infanzia.

image

Per finire ricordiamo che “Il cavaliere oscuro – Il ritorno” è legato anche a un tragico fatto di cronaca: nella notte tra il 19 e il 20 luglio 2012, l’allora ventiquattrenne James Holmes ha aperto il fuoco durante la proiezione della prima del film in un cinema di Aurora, in Colorado, uccidendo 12 persone e ferendone 58. Gli ufficiali di polizia hanno affermato che il giovane, arrestato subito dopo la sparatoria, ha dichiarato di essere Joker, la nemesi di Batman, e di essersi tinto i capelli di arancione intenso per assomigliargli.

UN COMMENTO

  1. “e sempre per lo stesso motivo durante tutto il film il Joker non viene menzionato neanche una volta.”

    In che modo citare il Joker del film avrebbe potuto offendere la memoria del compianto Ledger?

Rispondi a Fra X Annulla risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here