CONDIVIDI
Jill Janus Huntress

La cantante americana  Jill Janus che pubblicava sotto Napalm records, icona della band MetalHuntress, si è suicidata, la notizia arriva direttamente dalla band.

Jill Janus era nota nel mondo della musica rock per le sue performance e la forte presenza scenica. Non nascondeva di soffrire di gravi problemi psichici, uno tra questi la schizofrenia, possibile causa del suicidio a soli 43 anni.

“Con il cuore devastato annunciamo che Jill Janus, frontwoman della heavy metal band californiana degli Huntress, è morta martedì 14 agosto”, si legge in una nota: “Soffriva da tempo di problemi psichici, si è tolta la vita nei pressi di Portland, Oregon. Janus ha parlato pubblicamente delle sue sfide nella speranza di guidare il prossimo nella vittoria sugli stessi problemi che aveva lei. Era una bella persona, affezionata alla propria famiglia, al salvataggio degli animali e al mondo della medicina naturale. Ci mancherà più di quanto le possa mai avere immaginato”.

Ultimo membro della formazione originale, assieme a Blake Meahl, Jill Janus aveva iniziato la sua carriera da giovanissima per poi far parte di una serie di band parallele agli stessi Huntress come le cover band TheStarbreakers e Chelsea Girls.

Nati nel 2099, gli Huntress hanno debuttato nel 2012 con il disco “Spell Eater“, seguito da una produzione attivissima che ha portato a dischi come “Starbound Beast” e “Static“.

La morte della donna è un duro colpo per il mondo del metal e del rock.

La band lascia così l’ultimo album “Static” uscito nel 2015, un vero e proprio lasciato a questo punto, dell’opera musicale di Jill Janus e della sua incredibile e potentissima voce che donava alle parti scream uno stile unico e straordinario.

Un altro lutto nel mondo della musica che si consuma lontano dal mainstream e dalle band più famose ma che colpisce duro gli amanti del metal e del rock alternativo.

 

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here