CONDIVIDI
Animali gigli centro commerciale centri commerciali

Dal 5 al 18 novembre presso i centri commerciali I GIGLI sarà presente “Animals conoscere gli animali rispettandoli”, un parco tematico di 144 peluche a grandezza naturale.

Una iniziativa che nasce da una collaborazione tra la compagnia e WWF Italia. Il parco sarà un’occasione per far conoscere ai bambini l’incredibile fauna che vive nei cinque continenti, sensibilizzando i più piccoli verso il rispetto della natura e degli animali.

I peluche del parco di Animals sono naturalmente realizzati nel pieno rispetto dell’ambiente, hanno una imbottitura 100% di pet riciclato, l’allestimento nel centro commerciale sarà una grande sorpresa per gli avventori dei Gigli, inoltre diventerà una possibilità per passare del tempo in modo alternativo scoprendo la lontana realtà degli animali allo stato selvatico.

L’esperienza coinvolgerà ben 1000 alunni delle scuole del territorio. Il tour sarà strutturato e pianificato e prevederà un’area multimediale all’interno della quale una guida condurrà i partecipanti in viaggio nel regno degli animali.

Sarà possibile inoltre indossare abiti e accessori da esploratore per rendere l’esperienza ancora più appassionante e immersiva. Grazie alla riproduzione dell’ambiente, i bambini esploreranno le zone in cui determinati animali vivono fino a incontrare l’animale stesso nel suo formato peluche.

Ma l’avventura non finisce qui. Grazie alla tecnologia 3d, una volta terminato il tour nel regno degli animali giocattolo, i piccoli avranno la possibilità di immergersi virtualmente all’interno di un vasto oceano dove potranno ammirare rarissimi pesci attraverso visori 3d. Una grande avventura quindi quella che aspetta gli avventori dei centri commerciali i Gigli in questi giorni, una buona idea per vivere a piano questo lungo ponte di novembre che tra Halloween, Santi, Morti e domeniche sarà per molti una piccola vacanza all’interno del lungo autunno.

La collaborazione tra WWF e realtà locali è davvero importante soprattutto per sensibilizzare nei confronti di questa realtà animale che sembra sempre più lontana, e sempre più minacciata dall’opera dell’uomo.

 

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here