CONDIVIDI
germania treno idrogeno

La Germania lancia il suo treno a idrogeno, il primo treno a emissioni zero in circolazione, il futuro del trasporto su binari totalmente sostenibile. Si chiama Coradia iLint ed è realizzato da Alstom, il treno a idrogeno totalmente privo di emissioni che inizierà il suo servizio per la zona della bassa Sassonia.

Il treno ha già ottenuto l’approvazione degli organi di governo dedicati ed è pronto al lancio. Un trionfo per il paese che lancia così una tecnologia unica a livello mondiale.

«Un primato in Germania: con l’approvazione dell’Autorità ferroviaria tedesca arriva sui binari il primo treno passeggeri con tecnologia a celle a combustibile. Questo è un forte segnale di mobilità del futuro. L’idrogeno è una reale alternativa al diesel, è efficiente e a basse emissioni. Soprattutto sulle linee secondarie, dove le linee aeree di contatto non sono economiche o non ancora disponibili, questi treni sono un’opzione pulita ed ecologica. Ecco perché supportiamo e vogliamo far emergere questa tecnologia».

«Questa approvazione – comunicano le fonti Alstom – è un momento cruciale per il Coradia iLint e un passo decisivo verso una mobilità pulita e orientata al futuro. Alstom è profondamente orgogliosa di questo treno regionale alimentato a idrogeno, che rappresenta una rivoluzione nella mobilità a emissioni zero e che ora entrerà in servizio regolare».

Il Coradia iLint, nonostante un nome inutilmente complicato, è un treno alimentato interamente a idrogeno che produce energia elettrica per la trazione. L’unico scarico presente rilascia vapore acqueo e acqua di condensa, niente che possa danneggiare quindi l’ambiente.

Caratteristica del nuovo treno è il suo rispetto per l’ambiente, senza rinunciare però alle performance di motore che un treno di questo tipo deve mantenere. Una vera  e propria rivoluzione che si spera verrà seguita a livello mondiale, dato che il nuovo treno è senza se e senza ma, il futuro del trasporto su rotaie.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here