CONDIVIDI

Era il lontano 1923 quando il Ministro della Pubblica Istruzione Giovanni Gentile decise di istituire l’Esame di Stato, meglio conosciuto oggi come maturità. Mai nessun ministro fu più conosciuto – e soprattutto odiato – da un così grande numero di studenti, che ogni anno si ritrovano a dover affrontare gli esami.

Come sempre, è giunto il periodo delle ultime interrogazioni e della chiusura delle scuole: questo significa vacanze e riposo per la maggior parte degli studenti, ma significa anche studio e impegno per quelli che invece dovranno vedersela con il fatidico esame di maturità.

Ci siamo passati tutti, chi meglio e chi un po’ meno bene, ma quello che è sicuro è che ci passerete anche voi che a giorni inizierete gli esami, e che in un batter d’occhio vi ritroverete – ovviamente dopo giornate di solo studio e fatica, ahimè – a festeggiare con i vostri amici senza più ricordarvi di quello che è successo.

Invece che pensare alla tesina da scrivere, e soprattutto all’argomento ancora da scegliere per i soliti ritardatari, o a pensare a quali materie usciranno in terza prova, noi di Blog di Cultura vi consigliamo di concedervi una piccola pausa e di godervi questo divertentissimo video postato poche ore fa sulla pagina Facebook di Angelo Duro, inviato del programma televisivo Le Iene.

MATURITA' 2015 – L'ESAME CHE VORREI

MATURITA' 2015 – L'ESAME CHE VORREI

Posted by Angelo DURO on Lunedì 8 giugno 2015

Nella maturità dei sogni di tutti, solo un professore come Fabio De Luigi avrebbe il potere di farci sentire a nostro agio, interrogandoci su argomenti moderni e alquanto divertenti. Nel video ce n’è davvero per tutti: dagli usi e costumi della Play Station, a cui si gioca rigorosamente in tuta, a Gigi D’Alessio, poeta contemporaneo del nostro secolo, fino ad arrivare al sito hard per eccellenza, argomento centrale del programma e oggetto di studio per ben tre mesi.

Con un esame orale così e con un professore come De Luigi, la maturità sarebbe un gioco da ragazzi per tutti, e a giudicare dal numero elevatissimo di visualizzazioni e di condivisioni, sembra proprio che il video abbia riscosso particolarmente successo e che in molti siano d’accordo riguardo alla modalità alternativa di questo esame. Per tutti voi che a breve affronterete la maturità, fatevi coraggio e nei momenti di maggiore sconforto ricordatevi di Fabio e delle sue domande e dell’ “esame che vorrei”.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here