CONDIVIDI
Vita ce n'è album eros ramazzotti

Nuovo disco per Eros Ramazzotti  dal titolo “Vita ce n’è” che commenta:
“E’ un progetto importante, riparto con una marcia giusta, ci ho lavorato tanto. Non è stato facile rinnovarsi, non ho più 20 anni.”

Cambia anche il team degli autori, dove un tempo c’era anche il grande Mogol:
“Ho basato tutto sul rapporto con Cheope, la nostra è una amicizia trentennale. Così è nato l’incontro con Federica e poi con Dario Faini, Nigiotti, Paradiso, Zampaglione, Lorenzo… ma c’è anche un pezzo del figlio di Biagio Antonacci, Paolo, che è un ragazzo molto bravo e talentuoso… gli ho consigliato di risparmiarsi…”

Un album giovane che Ramazzotti vuole dedicare ai giovani e alla loro voglia di fare e creare:
“Non sono geloso del successo degli altri. Mi fa piacere vedere talenti nuovi, ho sempre dato spazio ai giovani, non chiudo, anzi… I giovani si ricordano di Eros Ramazzotti soprattutto per i vecchi pezzi, per stare al passo con i tempi avevo bisogno di cambiare e collaborare con altri artisti, vedi Alessia Cara…”

Si parla poi di un momento di crisi, dove Eros Ramazzotti voleva mollare tutto, abbandonare il mondo della musica e chiudere una carriera ormai molto lunga che ha già dato o suoi frutti e le sue soddisfazioni.

“Ho attraversato un momento di transizione, il modo di fruire la musica è cambiato. Dove tutto si muove velocemente, passa tutto, dalle cose belle a quelle brutte. Sono ripartito dall’amore per la musica, dalla positività per cui la gente mi riconosce. La vita torna spesso nei miei pezzi, è importante lanciare messaggi positivi. Che restano nel tempo. Ecco, volevo un disco da ricordare.”

Un ritorno con stile per un big della musica italiana in grado di segnare profondamente il pop degli anni 90 e di ottenere successo anche al di fuori del nostro paese.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here