CONDIVIDI
il diritto di contare

Mercoledì 8 marzo, in onore della festa della donna, uscirà nelle sale italiane il film “Il diritto di contare” (titolo originale Hidden figures), basato sulla storia di tre grandi donne. Prende spunto dal libro di Hidden Figures, The Story of the African-American Women.

Uscito negli Stati Uniti nel 2016, Il diritto di contare, è un film diretto dal regista Theodore Melfi, che vede protagoniste le bravissime Taraji P. Henson, Octavia Spencer e Janelle Monae.

E’ l’incredibile storia, mai raccontata prima d’ora, di tre donne afroamericane, Katherine Johnson, Dorothy Vaughn e Mary Jackson che lavoravano alla NASA. Insieme, hanno progettato una delle operazioni più grandi della storia, il primo programma di missioni spaziali, che ha spedito in orbita uomini come l’astronauta John Glenn.

Le menti brillanti della matematica, della scienziata e della fisica afroamericana tracciarono le traiettorie per il Programma Mercury e la missione Apollo 11. John Glenn divenne il primo astronauta americano a fare un’orbita completa della Terra.

Questo fu un traguardo importante, che oltre a riportare fiducia nella Nazione, rivoluzionò la corsa allo Spazio. Ma, cosa più importante, gli studi di queste grandi donne hanno influito molto nel combattere gli stereotipi razziali.

Il resto del cast è formato da Kevin Costner, Kirsten Dunst e Jim Parsons. Il diritto di contare, ha ricevuto tre candidature agli Oscar 2017, tra cui quella per Miglior attrice non protagonista a Octavia Spencer, quella per Miglior film, e quella per Miglior sceneggiatura non originale a Theodore Melfi e Allison Schroeder.

Inoltre ai Golden Globe 2017 ha ricevuto anche una candidatura per la Miglior colonna sonora originale a Pharrell Williams, Hans Zimmer e Benjamin Wallfisch.

Il diritto di contare, con un cast quasi del tutto femminile, vi aspetta nel giorno in cui viene celebrata la donna e tutti i suoi diritti, l’8 Marzo. In attesa, vi lasciamo qui il trailer.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here