CONDIVIDI

I tempi moderni sono caratterizzati da una problematica comune a tutte le organizzazioni: quella della gestione dei volumi di dati. Ci riferiamo ad un flusso di informazioni molto ampio di cui ogni azienda dispone e che costituisce un capitale importantissimo che, in quanto tale, deve essere gestito con sicurezza ed efficienza.

L’adozione di soluzioni di advanced analytics, quindi, è la strategia grazie alla quale è possibile semplificare questa immane complessità. In altre parole, per un’azienda o per un’organizzazione la gestione dei dati costituisce non solo un vantaggio competitivo verso l’esterno, ma anche un miglioramento gestionale interno che riguarda collaboratori, partner, clienti e potenziali tali. In che modo? Lo spieghiamo nelle righe che seguono.

Cosa si intende per “dati”?

Il concetto di dati è molto ampio. Potremmo definirlo come l’insieme dei dati che riepilogano i flussi di utenti che hanno cliccato su un annuncio online oppure come il portfolio di partner e fornitori di un’azienda. Potrebbe caratterizzarsi come lo storico di ordini, prezzi, fatture e commesse di un’organizzazione così come il database dei clienti acquisiti in un trimestre.

In altre parole, i dati sono tutto l’insieme di informazioni che fanno funzionare un’organizzazione e la maggior parte di essi, come prevede la legge, devono essere amministrati con cautela dal momento che costituiscono una fonte di informazioni definite come “sensibili”.

Ecco perché è necessario adottare sistemi di advanced analytics, ovvero soluzioni ad approccio Agile capaci di semplificare i processi, migliorare i risultati e favorire l’adozione di modelli di business efficienti per cogliere tutte le opportunità del mercato.

I dati acquisiti da un’azienda sono indispensabili per tutte le normali attività quotidiane anche se, spesso, non ce ne rendiamo conto. Stando anche a quanto stabilito dalla normativa vigente sulla tutela della privacy, tra l’altro, non è più possibile gestire i dati aziendali in modo tradizionale, ovvero attraverso archivi cartacei. La legge, in particolare, rende obbligatoria l’adozione di soluzioni che garantiscano la sicurezza della tutela dei dati aziendali da qualsiasi rischio di diffusione non autorizzata.

In che modo vengono processati e utilizzati?

I dati in possesso di un azienda sono una risorsa proprio perché sono sempre scalabili. Questo significa che grazie ad essi e alla loro aggregazione su appositi software possono fornire le basi per strategie di crescita o per individuare criticità da migliorare. Un flusso di dati, insomma, è considerato un “asset aziendale” al pari di un capitale economico o di proprietà materiali come stabili, terreni e macchinari.

A differenza dei beni tangibili, tuttavia, devono essere gestiti in modo strategico e, quindi, archiviati e consultati attraverso appositi software. I dati oggi costituiscono un capitale importantissimo al quale le aziende più strutturate dedicano intere aree di business per archiviarli, monitorarli e utilizzarli a beneficio strategico di crescita.

Per le aziende strutturate, quindi, l’utilizzo di software di data analytics risulta essere di importanza strategica. Grazie ad una gestione strategica dei dati, infatti, è possibile migliorare la produttività e l’efficienza operativa e, quindi, contare su attività automatizzate sicure e prive di margine d’errore.

Fonte immagine:pixabay

 

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here