CONDIVIDI

Verdetto annunciato, telenovela finita: o appena iniziata? Perchè del plagio di Robin Thicke, Pharrell Williams e T.I. ai danni di Marvin Gaye per Blurred Lines, se ne continuerà a parlare per diverso tempo. Dopo mesi e mesi di udienze e tetsimonianze, la Corte ha infatti dato ragione alla famiglia di Gaye, scomparso nel 1984, a cui andrà un indennizzo di 7,4 milioni di dollari. Il brano plagiato dal trio (che nel 2013 era diventato una hit un po’ dappertutto) è Got to give up, datato 1977. Ecco il confronto tra i due pezzi, così da farvi un’idea.

Blurred Lines

Got to give up

Una decisione sbagliata che, in questo caso, reprimerà i musicisti e le etichette che li finanziano perché stabilirà che non è possibile rendere omaggio a un genere, uno stile o un groove” dichiara Robin Thicke a Billboard, aggiungendo: “Questa faccenda è più importante del denaro. Va a influire sulla creatività dei giovani musicisti“.

Indiscutibile la sentenza riferita dai media USA, che comunque rischia di creare un annoso precedente.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here