CONDIVIDI
Claudio Lolli grande musicista

 

E’ morto dopo una lunga malattia, all’età di sessantotto anni, Claudio Lolli, un artista meno noto rispetto ai grandi nomi della musica italiana, ma capace di dar vita a canzoni e testi difficilmente raggiungibili dal mainstream italiano.

Lolli era un vero e proprio poeta, scrittore oltre che musicista, simbolo della canzone militante degli anni 70, Lolli

era stato amico di Guccini che lo aveva introdotto alle case discografiche.

Un personaggio lontano dai riflettori, capace di regalare al nostro paese e al mondo dischi come Aspettando Godot, Lolli, con canzoni indimenticabili come Michel e Borghesia.

Nel pieno della produzione lancia l’anno successivo Un uomo in crisi. Canzoni di morte. Canzoni di vita.

Una serie di pezzi straordinari, toccanti che scavano nelle tematiche della depressione e del suicidio.

Tanti sono i successi e tanti sono i grandi pezzi che necessitano un ascolto attento, un modo diverso di approcciarsi alla musica rispetto a quello attuale fatto di consumo e rapidità.

Claudio Lolli è un pezzo di storia della musica italiana, un colosso che possiamo accostare tranquillamente a figure come Francesco Guccini, Luicio Battisti e tutta la grande musica italiana.

Un personaggio ai limiti mai stato sotto ai riflettori, e per questo parzialmente dimenticato dal mondo della musica nostrana, un autore che merita però oggi ancora di più di essere riscoperto da giovani e meno giovani, e di tornare a cantare attraverso i nostri computer, le autoradio e gli stereo di casa.

Claudio Lolli è stato capace come pochi autori nel nostro paese di approcciarsi a tematiche così potenti da portare alle lacrime, indimenticabili sono Quanto amore, così come Quello che mi resta, canzoni della potenza incredibile con la la malinconica voce di Lolli sembrano riportarlo improvvisamente tra di noi semplicemente lasciandolo cantare, ascoltandole.

Se ne è parlato davvero troppo poco della morte di questo incedibile autore, ecco perché ne parliamo ancora una volta.

 

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here