CONDIVIDI
alimentazione millennials

A quanto pare anche il mondo del cibo sta cambiando e, nonostante supermercati e superstore rappresentino ancora più di metà delle vendite alimentari, l’e-commerce sta crescendo a vista d’occhio raggiungendo l’1,2%, una percentuale bassa ma in costante sviluppo e che pare trainata dai più giovani. La particolarità che emerge è poi il fatto che i consumatori vedano il cibo sempre più come stile di vita e non come semplice sostentamento. E’ proprio questa novità a generare che richiede continua innovazione e sostenibilità da parte di chi lavora nella filiera alimentare. I nuovi consumatori vogliono infatti prodotti a chilometro zero, garanzie di trasparenza, autenticità. Ci sono poi varie tendenze come quella del vegetarianesimo, del veganesimo e in generale una maggiore sensibilizzazione verso la condizione degli animali, come ad esempio delle galline da uova.

La novità, a quanto pare, arriva proprio dai millennials, consumatori che vantano la caratteristica di possedere un forte interesse per capire i meccanismi del settore, sapere come viene prodotto ciò che mangiano e essere disposti a pagare di più in cambio di un prodotto più salutare. Vengono così premiati prodotti italiani, chilometro zero, agricoltura biologica e prodotti cruelty free.

“Trasparenza, salute e identità sono le parole chiave per gestire questa complessità – questo il commento di Romolo de Camillis, retail director di Nielsen Italia, società di analisi e misurazione legata al mondo dei consumatori –. Il cibo risponde sempre più a bisogni esperienziali e sono in ascesa i consumi identitari come il vegetariano-vegano-flexitariano o i consumi halal e kosher”. anche la religione quindi, in un paese sempre più multietnico, va a incidere sui consumi e sul mercato dell’alimentazione. Le prospettive sono però positive, soprattutto per la scelta dei prodotti italiani, una maggiore attenzione alla nostra agricoltura e al nostro allevamento, potrebbe infatti finalmente penalizzare tutte quelle aziende che si basano sullo sfruttamento massiccio della terra portando in Italia prodotti di scarsa qualità, provenienti da paesi del terzo mondo.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here