CONDIVIDI
zaytsev zar

Inquadrata durante la vittoria 3 a 0 della nazionale italiana pallavolo contro la Finlandia, Michela Coccaglio, personaggio noto nell’ambiente della pallavolo amatoriale del bresciano, una giovane atleta classe 1998, ha alzato la sua speciale bandiera tricolore con su scritto “Zaystev sposami“. Ed ecco che il video è finito in tv e sui maxi schermi dello stadio scatenando una reazione inaspettata, un sorriso e poi uno cenno di ok da parte del capitano.

Subito la giovane è arrossita moltissimo e ha salutato il giocatore che, assieme al resto della squadra sta facendo sognare l’Italia. Sarebbe già stato un bel momento, ma la storia non finisce qui.

Il giorno seguente infatti il capitano della squadra azzurra ha ringraziato direttamente la giovane per la dedica dicendo: “Metto questo video così quando sarai più grande e ti sposerai, tuo marito saprà che lo avevi chiesto prima a me!! ma, se mi perdonerai, invitami al matrimonio” condividendo il video sui social. Naturalmente in poche ore, il filmato è diventato totalmente virale. Per la gioia o meno della giovane spasimante.

Ivan Zaytsev è un giocatore di pallavolo ormai famosissimo, già dal 2001 ha iniziato la sua carriera fino ad arrivare oggi al mondiale come colonna portante della nazionale. Oltre alle doti sportive, Zaytsev ha anche un notevole carisma che lo ha resto un personaggio pubblico, spingendo anche la popolarità stessa della nazionale di pallavolo.

Con questa uscita diventata trend immediate, Zaytsev sarà ancora di più sotto ai riflettori, e ci aspettiamo di vederlo presto, si spera trionfante, invitato alle più svariate trasmissioni.

Una storia divertente che la giovane potrà davvero raccontare, con tanto di prove video e post virali. Un’altro frammento che si unisce alla favola della pallavolo italiana che in questo momento sembra sognare il podio mondiale. Nel frattempo il video continua a fare il giro della rete e a venire condiviso tra riviste  social network.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here