CONDIVIDI

Durante la prima puntata di Hell’s Kitchen è stato notato dalla redazione di Blog di Cultura un particolare che potrebbe influire sul giudizio che i telespettatori hanno sul comportamento di Carlo Cracco. Il temperamento che bisogna avere per condurre questo show non è da tutti, gli atteggiamenti pieni di superbia, scurrili e che raggiungono la violenza psicologica e che hanno portato il programma al successo grazie a Gordon Ramsey, interprete molto popolare di queste “qualità”, non sono facili da imitare.

Per avvicinare dunque Cracco alle doti del cuoco scozzese, la regia potrebbe aver deciso di dargli un aiuto: un auricolare, visibile nelle immagini qui riportate, con il quale, se non dirigere, comunque indirizzare le azioni dello Chef. Le urla, le espressioni di delusione, i gesti plateali, come gettare un piatto apparentemente buono nella spazzatura, forse sono il frutto di precisi ordini che giungono all’orecchio di Carlo Cracco.

Un altro elemento che supporta questa tesi è l’angolatura da cui viene ripreso lo Chef. Durante le prime due puntate mandate in onda giovedì 17 aprile, Cracco è sempre inquadrato da sinistra, lasciando così l’orecchio destro, quello usato per l’auricolare, coperto e non visibile dagli spettatori da casa. Lo stratagemma usato dai cameramen aumenta i sospetti intorno al programma, il quale sembra aver dei segreti da nascondere.

Dopo l’epilogo di Masterchef che ha visto la finale riempirsi di voci riguardanti scommesse illecite, anche l’inizio di Hell’s Kitchen potrebbe oscurasi alla luce del caso Carlo Cracco e della sua auricolare. Chiarimenti riguardo l’accaduto risolverebbero la questione, ma bisogna sempre ricordare che il diavolo fa le pentole, ma non i coperchi.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here