CONDIVIDI

Barilla i Mondiali 2014 li ha resi speciali grazie alla geniale campagna di marketing lanciata appositamente per l’evento. L’hashtag #calciobarilla ha etichettato le landing di una campagna studiata, tempestiva, pulita, immediata, d’impatto.

Quando il sogno di una Nazionale in corsa per la coppa era ancora vivo, Barilla aveva messo in campo uno dei suoi sughi migliori.

10373963_10203602210592028_9118104229685822934_n

Prima della partita Italia-Uruguay la tensione dei tifosi d’Italia era alle stelle e il brand ha interpretato l’ansia con un’interpretazione di spirito.

10428641_10203602210472025_5649319736713958318_n

Quando Claudio Marchisio è stato espulso, un “salto in padella” è stato il messaggio lanciato dal brand con un copy efficace e una creatività impattante.

10408551_10203602209912011_883928629874623929_n

Realizzata la fine del sogno mondiale, Barilla ha detto la sua e dei rigatoni fumanti sono l’immagine scelta per rappresentare i nostri undici schiacciati in 90 minuti.

10440232_10203602210232019_7631756913673424613_n

Infine, il rientro a casa della Nazionale, con un CT dimesso, un Balotelli perseguitato e una squadra in subbuglio, tra polemiche e lacrime.

10347568_10152537239339776_256706354159545498_n

Barilla è stata in grado di strapparci l’unico sorriso verso un Mondiale che ci ha lasciati senza parole.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here