CONDIVIDI

Il dipendente Huawei che ha inviato i suoi auguri di buon 2019 con un iPhone, non poteva immaginare csa gli sarebbe costato il suo post su Twitter.

L’episodio non è affatto il primo, di recente infatti abbiamo visto Galaxy Note 9 pubblicizzato attraverso un iPhone, così come l’account Twitter dell’attrice Gal Gadot postare un tweet pubblicitario su Huawei Mate 10 utilizzando un iPhone.

Il problema però è che il messaggio di auguri per un buon 2019 parte dall’account ufficiale Twitter di Huawei Technologies. Il fatto che sia stato inviato da un iPhone, elemento verificabile dalla scritta”via Twitter for iPhone” presente in basso, è davvero incredibile.

La questione ha subito scatenato troll e meme, così come prese di giro che la compagnia non ha particolarmente gradito.
Huawei ha infatti annunciato di avere intenzione di punire i responsabili, dal momento che la svista piuttosto evidente ha “causato danni al brand Huawei”. I due dipendenti non sono stati licenziati, ma sembra che siano stati declassati dal loro ruolo, perdendo la posizione nel marketing che avevano stabilito.

Effettivamente di marketing non ne vediamo nemmeno l’ombra, e l’evento ha fatto finire Huawei nel mirino di milioni di utenti.

Certo, si parla del brand, e di questo i dirigenti dovrebbero essere contenti. L’utilizzo di un dispositivo rivale per le questioni ufficiali non è però una bella pubblicità.
Il caso però sembra avere una spiegazione più logica.

A quanto pare i due dipendenti hanno avuto un problema di VPN, trovandosi costretti ad utilizzare l’iPhone per postare il messaggio.

Un errore che gli è costato caro e che speriamo possa essere risolto al più presto per far tornare i due sfortunati pubblicitari al loro posto di lavoro.

Alla fine si tratta di una svista legata a un problema tecnico. Non di una grave negligenza o di una provocazione.

Nel frattempo però, il web continua a sbellicarsi dalle risate, e Apple (nonostante crolli vari), ride sotto i baffi.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here