CONDIVIDI

Nonostante il settore del turismo sia stato colpito dalla crisi provocata dal Coronavirus, sembra che i viaggi stiano riprendendo. Gli italiani non vogliono rinunciare alle loro vacanze e a quanto pare, quelle di quest’estate sono e continueranno ad essere prettamente italiane. Le mete più gettonate infatti sono proprio all’interno della penisola, per diversi motivi. Primo, il fatto che molti italiani scelgono di rimanere nella loro nazione per un fattore di sicurezza, ma come secondo motivo vi è anche il fatto di aiutare l’economia a riprendersi. Tra le mete più gettonate vi sono i laghi, come quello di Como, ma anche Rimini, molte zone della Puglia, Sicilia, Sardegna, Calabria e non solo.

 

Viaggi: dove vanno gli italiani in vacanza

 

Il settore viaggi sta piano piano riprendendo, anche se in termini economici i danni da riparare sono parecchi. Nonostante questo, molte persone non rinunciano a qualche giorno di ferie, per poter eliminare lo stress accumulato anche a causa del periodo del lockdown. Le mete più gettonate sono proprio le città italiane: molti infatti approfittano per andare a visitare quelle zone che magari sognavano di vedere da tempo, ma per le quali non hanno mai avuto modo di organizzare una gita o un soggiorno.

Ora, anche per aiutare l’economia della penisola a riprendersi, gli italiani scelgono di rimanere proprio nella loro nazione. Molte famiglie si spostano di poco e passano qualche giorno in piccoli borghi, cercando di riscoprire le meraviglie del loro Paese.

 

I posti più richiesti

 

Senza dubbio le regioni del Sud sembrano aver avuto una maggiore richiesta di prenotazioni, ma in realtà tante persone sono andate o rimaste al Nord per potersi godere il fresco delle zone alpine. In tantissimi stanno andando al mare: le spiagge sono affollate, nonostante sembra che si stiano mantenendo le misure di sicurezza per evitare possibili contagi. Sono molte le persone che desiderano riscoprire le meraviglie storiche, artistiche e culturali di quello che è il loro Paese: l’Italia.

 

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here