CONDIVIDI

Taranto ma sopratutto i suoi lavoratori saranno al centro dell’attenzione durante il concerto di primo maggio che si terrà nel capoluogo pugliese. Proprio questo è lo scopo di Michele Riondino, attore tarantino e ideatore dell’evento: scuotere l’opinione pubblica e mettere in evidenza le condizioni disagiate in cui lavorano i dipendenti dell’ILVA di Taranto, e non solo. In un periodo di forte crisi come quello che stiamo vivendo è necessario ascoltare le esigenze di tutti i lavoratori d’Italia e per farlo non c’è giorno migliore del primo maggio, la festa del lavoro e dei lavoratori.

Sono in molti a credere che il concerto di Taranto sia il “contro-concerto”, così definito, della kermesse musicale di Roma, che ha appuntamento fisso ogni anno in Piazza San Giovanni. Nonostante la contrapposizione tra il concerto di Taranto e quello di Roma, entrambi gli eventi hanno avuto un enorme successo in passato, e ancora ne avranno. Michele Riondino ha voluto comunque precisare che il concerto di Taranto, che oltre a ricevere l’appellativo di “contro-concerto” è stato definito con un tweet “sagra di paese” da qualcuno della Cisl, non aveva lo scopo di contrapporsi a quello romano. Con gli organizzatori dell’evento di Roma e con gli artisti che vi partecipano, ha dichiarato Riondino, non c’è mai stata rivalità.

Il concerto di Taranto è stato ideato dall’attore Michele Riondino grazie al supporto che ha fornito al Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti e quest’anno è alla sua terza edizione. La direzione artistica dell’evento porta il nome di Roy Paci, mentre la conduzione del concerto è stata affidata ad Andrea Rivera, Mietta, Valentina Petrini e Valentina Correani.

I nomi degli artisti che si esibiranno sul palcoscenico del Parco Archeologico delle Mura Greche sono già noti. Caparezza, Francesco Baccini, Brunori Sas, Subsonica, Malrlene Kuntz, Officina Zoè, Velvet, Diodato e non solo: si mormora che alla lista si aggiungeranno, a partire dalle ore 14:00, anche Nina Zilli e Alessandro Mannarino. Gli artisti promettono bene e gli organizzatori si presentano assai positivi e speranzosi riguardo il numero degli spettatori. Apriranno il concerto alcuni artisti emergenti, selezionati anche per favorire la varietà musicale, e il primo dibattito della giornata avrà come tema l’ingiustizia, i reati ambientali e l’illegalità.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here