CONDIVIDI
oms gender

Un grande successo per il mondo del gender che vede finalmente la transessualità rimossa dalla lista delle malattie mentali dell’Oms.

Un dato altisonante che era stato mantenuto negli anni, creando disguidi e mettendo in difficoltà le persone transgender. “L’incongruenza di genere è stata rimossa dalla categoria dei disordini mentali dell’International Classification of Diseases per essere inserita in un nuovo capitolo delle ‘condizioni di salute sessuale'”, chiarisce l’Organizzazione Mondiale della Sanità, spiegando poi come sia “ormai chiaro che non si tratti di una malattia mentale e classificarla come tale può causare una enorme stigmatizzazione per le persone transgender”.

La transessualità viene però mantenuta all’interno dell’International Classification of Diseases (ICD),ma per uno scopo nobile. Grazie alla classificazione infatti, il fabbisogno di cure mediche legato alla condizione può essere soddisfatto.

Si spiega poi come la transessualità sia stata collocata “in un capitolo di nuova creazione, per dare spazio a condizioni collegate alla salute sessuale e che non necessariamente hanno a che fare con altre situazioni codificate nell’Icd”.

L’Oms, con un po’ di ritardo rispetto al mondo moderno, afferma quindi di “aver capito che non si tratta di una condizione mentale e lasciare l’incongruenza di genere in quel capitolo avrebbe creato biasimo e condanna”.
L’obiettivo è quello di “portare ad una migliore accettazione sociale degli individui” e, a in questo modo, “migliorare l’accesso alle cure perché riduce la disapprovazione sociale”.

Un passo in avanti per un organo che, bisogna notare, agisce in varie parti del mondo e non solo nel mondo occidentale. Realtà quindi dove l’omosessualità non è culturalmente accettata e viene perseguitata anche in modo violento, sia dalla popolazione che dagli stessi stati. Il percorso per l’accettazione dei transessuali è ancora molto lungo, in particolare nei paesi dove la religione riveste ancora un ruolo importante, spesso mischiato con lo stato e dove viene prevista addirittura la pena di morte per omosessuali e trans.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here