CONDIVIDI

Ha perso ben 75 chili, Nadia Rinaldi.
Dopo un intervento allo stomaco e una dieta equilibrata, è tornata in forma, e adesso fa di tutto pur di perseverare la sua salute, curando la propria alimentazione.
«Ho imparato a evitare i dolci, mangio poca pasta e scelgo pesce, carne bianca, verdura cotta e frutta di stagione» spiega l’interprete romana, che pur mantenendo tutte le curve ha perso parecchie taglie.
Un ottimo esempio per chi desidera dimagrire senza però rinunciare ai piaceri della buona tavola: «Altro che Alberico Lemme, quel farmacista che in TV dà consigli assurdi e pericolosi a chi vuole perdere peso in fretta!», incalza la Rinaldi.
E aggiunge: «Non mi stancherò mai di dire che mangiando con criterio si può star bene».
Alla Rinaldi non convince per niente questo metodo Lemme: «Prima di tutto – dice lei – è contrario all’assunzione di verdure, che invece fanno molto bene all’organismo. Poi spinge a mangiare spaghetti a colazione e grandi quantità di carne rossa, un alimento che è meglio dosare. Si definisce un dietologo, ma è solo un farmacista in cerca di pubblicità!»
Non solo è cambiato il suo peso, è cambiato il suo rapporto con la cucina:
«Il mio rapporto? Sempre ottimo! Certo, ho poco tempo per stare ai fornelli perché sono una madre sola e mi occupo di tutto io, oltre a lavorare naturalmente. Però mi piace preparare tante cose buone per i miei figli: metto amore in ogni ricetta».
Si cimenta in ogni tipo di piatto: «Le minestre preferibilmente a base di pollo. Oppure le zuppe di legumi, che aromatizzo spesso con il timo: insaporisce ogni piatto in maniera eccezionale!».
La dieta è anche fonte di mancanze: «Se chiudo gli occhi, mi tornano in mente le centinaia di spaghettate di mezzanotte, che facevo durante gli anni del laboratorio teatrale con Gigi Proietti».

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

sei − 2 =