CONDIVIDI
Michelle Hunziker, la setta e gli attacchi di panico

 Michelle Hunziker ha raccontato per la prima volta quando fu attirata da una setta che le rubò 5 anni della sua vita.

La Hunziker ha rilasciato una intervista al Corriere della Sera ed ha svelato di quando divenne “ostaggio” di una setta.

A tal riguardo la presentatrice ha dichiarato: ‘È la prima volta che racconto questa storia. Finora ho nascosto tutto persino a mia madre, l’unico con cui ne ho parlato è stato mio marito Tomaso. Quando ci siamo conosciuti abbiamo condiviso tutto: lui i suoi lutti e io la mia esperienza dei cinque anni in una setta. Una volta uscita da lì è stato un continuo tentativo di ricostruire la mia vita. Non è stato facile accettare che fosse successo proprio a me: ho sofferto di attacchi di panico e per anni ho creduto che sarei morta di lì a poco, per soffocamento, come aveva previsto la setta’.

Tutto ebbe inizio con un’ingente perdita di capelli e le prime due sedute con Clelia, una pranoterapeuta, molto positive.

Decise quindi d confidarsi con la stessa Clelia raccontandole di suo padre, alcolizzato, che Michelle decise di allontanare dalla sua vita.

Clelia e la sua setta spinsero Michelle lontano dai suoi affetti e proprio in quel periodo finì il matrimonio con Eros Ramazzotti.

Michelle Hunziker ha poi dichiarato: ‘Clelia ti catturava per la bellezza e la purezza, emanata da abiti candidi e raffinati, dalla pelle idratata da oli essenziali. Era sempre profumata, con un sorriso pazzesco e un velo di abbronzatura. La sua delicatezza e l’ossessione per l’accudimento la rendevano materna: era un fiore pericolosissimo. Secondo lei, ero circondata da energia negativa: la colf, l’autista… Una sera d’autunno avevo programmato di andare a teatro con una decina di amici: lei mi telefonò per dirmi di annullare. Sarebbe stato negativo per la mia energia. E io annullai’.

Per il momento è tutto, restate sintonizzati con noi di blogdicultura per conoscere le ultime notizie di spettacolo e gossip.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here