CONDIVIDI

Dopo il Festival di Sanremo un altro mistero potrebbe essere stato risolto.

Anche se le informazioni non sono del tutto certe.

Dopo decine di teorie, tra le più folli e fantasiose, sembra che l’identità del misterioso rapper napoletato Liberato, sia stata svelata.

Dietro al misterioso Rapper anonimo che si aggira per le vie di Napoli, si nasconderebbe infatti Livio Cori.

La teoria nascerebbe dal confronto tra il brano “Nove maggio” di Liberato con il brano “Surdat” di Cori. Le due voci, risulterebbero perfettamente sovrapponibili, dando un risultato tecnico praticamente certo.

Sulle pagine di Fanpage il professore spiega così: “Da un punto di vista dell’analisi spettrografica, Livio Cori è Liberato, assolutamente sì”.

Il confronto è stato suggerito dal giornalista Gianni Valentino, autore del libro “Io non sono Liberato”. I sospetti nei confronti di Livio Cori non sono del tutto nuovi.

La perizia quindi, diventerebbe la conferma, quasi definitiva dell’identità del misterioso autore.

Prima lo abbiamo visto nella serie Gomorra, dove tutti si aspettavano di vedere Liberato.

Ancora una volta lo troviamo a fianco di Nino D’Angelo, al posto dell’atteso Liberato.

Una serie di indizi che farebbero seriamente pensare al binomio Cori-Liberato.

Se a questo aggiungiamo la perizia, certo non infallibile, ma comunque estremamente difficile da falsare, allora sembra proprio che l’identità del misterioso rapper di quartiere sia stata rivelata.

Siamo sicuri che in ogni caso, Cori non farà nessun tipo di proclama, e, sempre che Liberato sia una sola persona, il mistero continuerà a regnare per le strade di Napoli.

In verità, speriamo che nessuno sveli mai davvero l’identità di questo interessante personaggio.

Liberato, letteralmente, grazie all’anonimato, e in grado di dire e raccontare quello che vuole.

Apprezziamo inoltre l’assenza di culto dell’ego, che trasforma Liberato in un fantasma musicale, che crede davvero in quello che fa e che dice, cosa rara di questi tempi.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here