CONDIVIDI

Siamo normalmente abituati a vederli impegnati in grandiose gesta, protagonisti di imprese epiche: stiamo parlando dei supereroi, personaggi dotati di superpoteri dai quali deriva la loro vocazione al salvataggio dell’umanità. Ma, come in tutte le cose, c’è sempre il rovescio della medaglia, e, ahinoi, si sa che grandi poteri implicano grandi responsabilità. Radicate nel nostro immaginario sono le scene dei supereroi svolazzanti nei cieli delle maggiori metropoli, impegnati in una missione piuttosto che in un’altra, ma cosa fanno Superman, Batman, Spiderman e i loro colleghi nei momenti di “riposo”? Benoit Lapray lo ha immaginato e ce lo mostra nei suoi scatti raggruppati sotto il titolo di The Quest for the Absolute.

Classe 1980, Benoit Lapray, fotografo francese che si occupa principalmente di pubblicità, ha recentemente realizzato una serie fotografica che mostra il lato nascosto dei supereroi dei fumetti, in una versione che mai avremmo pensato: i loro momenti di solitudine, magari dopo aver messo qualcuno in salvo; il calo di adrenalina, d’altra parte, non deve essere facile da affrontare. E quindi niente più Spiderman che, con le sue ragnatele, passa in velocità da un grattacielo all’altro: adesso siede come assorto sul ciglio di una strada di campagna. Batman fa a meno della sua Batmobile: lo troviamo ora a testa bassa sotto a una grotta, forse per meditare. Superman si staglia solitario sul mare, fieramente eretto su uno scoglio. Mentre Wonder Woman, a ridosso di un’imponente cascata, sembra trarre beneficio dalla forza irruente dell’acqua.

Caratteristiche fondamentali degli scatti sono l’assoluta solitudine dei supereroi e la natura selvaggia che fa loro da scenario: i supereroi sono completamente isolati, lontani dal caos della vita metropolitana in cui sono abituati ad operare, immersi in una natura quasi primordiale, che ha la capacità di ristorare le forze spese nelle loro molteplici imprese.

Il risultato di quest’idea originale sono delle foto, che risultano essere veramente di grande effetto ed estremamente evocative.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here