CONDIVIDI

Il 1 maggio di 20 anni fa alle 14:17 la Williams guidata da Ayrton Senna si è schiantata alla curva del Tamburello. Nello stesso giorno quella curva è assediata da migliaia di appassionati del pilota brasiliano, della Ferrari e di tutta la F1. Il comune di Imola, l’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari, il sito formulapassion.it e l’Istituto Ayrton Senna hanno organizzato una 4 giorni di tributo ribattezzata Imolayrton 2014, dal 1 al 4 maggio.

L’inizio vero e proprio è stato però il 30 aprile quando gli imolesi e i tanti giornalisti delle ben 27 televisioni accreditate e dei vari portali d’informazione hanno partecipato alla Santa Messa in ricordo di Roland Ratzenberger e Ayrton Senna in una Sala Briefing riempita vista l’impossibilità di celebrare in pit lane causa mal tempo. Presenti in sala la mamma e il papà di Roland Ratzenberger, oltre che al sindaco della città di Imola Daniele Manca e il comitato organizzatore che conta tra gli altri Ezio Zermiani, storica voce del giornalismo automobilistico, e l’ingegner Giancarlo Bruno, voce della F1 per la Rai. La Santa Messa è stata celebrata da Monsignor Sergio Mantovani, storico sacerdote dei piloti di F1 dagli anni 60 in poi che nonostante gli 87 anni è parso sorridente e in ottima forma parlando a cuore aperto dei due compianti piloti. Presente per immortalare le immagini più belle della 4 giorni imolese Keith Sutton, leggende dei fotografi della Formula 1.

Il saluto di Keith Sutton ai fan italiani del grande Ayrton Senna

Le immagini dell’album privato di Don Sergio Mantovani mostrate dall’amico ed ex meccanico Ferrari Di Vito Felice

La toccante omelia di Don Mantovani in ricordo di Ayrton Senna e Roland Ratzenberger

Il clou della manifestazione è stato però il 1 maggio quando Imola è stata invasa da circa 25 mila fans che hanno riempito all’inverosimile l’asfalto della pista. Nella mattinata c’è stato un importante incontro in Sala Briefing con la presentazione della giornata alla presenza di Paula Senna, nipote del compianto Ayrton. Uno degli organizzatori, Ezio Zermiani, ha letto un messaggio di Stefano Domenicali, imolese ed ex team principal della Ferrari dimessosi prima dell’ultimo Gran Premio che ha voluto ricordare il fuoriclasse brasiliano.

Subito dopo ha preso la parola anche Paula Senna per ringraziare di tutto l’amore mostrato verso lo zio nonostante siano ormai passati 20 anni dalla sua scomparsa.

L’incontro sulla sicurezza ha visto in seguito la partecipazione di alcuni tra i più importanti ingegneri della storia della Formula 1 come Mauro Folghieri, Aldo Costa, Gian Paolo Dallara e Giancarlo Bruno.

LE PAROLE DI ALDO COSTA

Il momento più toccante è stato senza dubbio quando, dopo l’arrivo in elicottero della delegazione Ferrari guidata da Fernando Alonso e Kimi Raikkonen, si sono aperti i cancelli della pista e 25 mila tifosi si sono riversati come un fiume in piena verso la curva Tamburello, li dove si fermò l’ultima corsa di Ayrton Senna.

Il raduno davanti al Tamburello

Il ricordo dell’ex compagno Berger

Tra la commozione dei piloti del cavallino rampante e di ex compagni di Ayrton come Jarno Trulli, Gerard Berger e vecchie glorie quali Riccardo Patrese e Andrea De Cesaris. Tutti uniti nel ricordo del fuoriclasse brasiliano per il quale è stato issato un grande cartellone firmato da tutti i piloti e da tutti i tifosi presenti. Un grande coro si è innalzato dopo il minuto di silenzio delle 14:17, un coro che aveva il nome e il cognome di Ayrton Senna. I tifosi hanno continuato a firmare anche dopo che i piloti hanno lasciato la tamburello, mentre il resto del gruppo è tornato nel paddock dove erano in programma altri incontri nel pomeriggio tra cui quelli con Paolo Simoncelli, papà del compianto Super Sic. La giornata si è poi conclusa con l’esibizione allo stadio di Imola di una partita tra la nazionale piloti e la scuderia Ferrari, prima del gran galà di beneficenza sul ristorante terrazza del circuito. Nella giornata del 1 maggio è stato inaugurato anche il Museo Checco Costa versione Ayrton Senna con tutte le sue auto e i suoi cimeli esposti al pubblico fino al 4 maggio.

Potete trovare tutte le foto del grande evento negli album sulla pagina ufficiale del film documentario Senna Il film – the Movie.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here