CONDIVIDI

Esposto al Museo del Novecento di Milano, questo dipinto può fregiarsi del titolo di opera d’arte simbolo dei lavoratori. È Il Quarto Stato, realizzato da Giuseppe Pellizza da Volpedo nel 1901. Ma perché è un quadro così importante per i lavoratori? Scopriamo qualcosa di più su questo famoso quadro.

L’idea per quest’opera nasce già nel 1891, quando il pittore decide di rappresentare le rivolte operaie avvenute nel suo paese d’origine: si tratta di un disegno molto diverso da quello che è visibile oggi. Solo i tre personaggi in primo piano rimangono quasi sempre gli stessi; in questa fase il dipinto è intitolato Ambasciatori della fame. Sarà poi aggiunta la folla dietro i tre soggetti principali, e il quadro assumerà il nome di Fiumana, nel 1898. Ma è solo tre anni più tardi che Pellizza, insoddisfatto dalla rappresentazione e soprattutto ispirato dalla strage compiuta da Bava Beccaris, arriva al risultato conosciuto e ammirato da tutti.

I lavoratori ritratti rappresentano la fascia più bassa della popolazione, i braccianti: la loro non è però una protesta violenta. È anzi ben lontana dai moderni cortei, non sono presenti armi e nessuno dei personaggi appare furioso o acceso dall’odio: al contrario, si tratta di una marcia pacifica e tranquilla, seppur molto decisa.

Tra i soggetti raffigurati, molti si rifanno a modelli di individui realmente esistenti: il caso più curioso è quello della donna ‘protagonista’ del dipinto, ritratta tra i tre che guidano la folla mentre porta in braccio il suo bambino. Il modello a cui Pellizza si è ispirato è infatti Teresa, sua moglie, che morirà sei anni dopo la relizzazione definitiva del dipinto, dopo aver partorito il suo terzo figlio.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here