CONDIVIDI

Google vorrebbe rendere il suo nuovo sistema di navigazione gestuale.

Le gesture, sono tra le innovazioni più sponsorizzate di Android 10.

Per ottenere questo risultato, la compagnia ha intenzione di obbligare le varie società e nascondere i propri comandi gestuali.

Una richiesta molto particolare che potrebbe portare a dissapori, oltre a un’analisi dello sfruttamento della posizione dominante da parte di Google.

A quanto pare, i sistemi di navigazione tramite gesture, sempre più utilizzati dagli smartphone moderni, dovranno sottostare al volere di Google Mobile Services.

I produttori saranno obbligati a non implementare di default il proprio sistema di navigazione tramite gesture.

Sarà possibile realizzarlo e utilizzarlo, ma di fabbrica dovrà essere presente quello di Google che ha intenzione di creare il suo personale alfabeto gesture per Android.

Certo l’OS è di Google e chiunque non voglia sottostare al colosso tech può semplicemente crearsi il suo OS, di sicuro però la richiesta, o meglio, la forzatura nei confronti delle aziende che permettono ad Android di essere ciò che è, non sembra particolarmente corretta.

Ancora una volta la compagnia di Mountain View impone il suo volere con pratiche commerciali ai limiti dell’antitrust.

Resta da scoprire inoltre se le gesture di Google sono davvero così impeccabili, tanto da diventare default per milioni di smartphone.

Il progetto dovbrebbe concludersi entro il dicembre 2019.

Staremo a vedere in che modo la grande G proporrà le sue gesture e, soprattutto quale sarà la reazione dei produttori, costretti a inserire di default un sistema di casa Google che potrebbe non essere digerito così bene da molte aziende

Che Google stia creando una spaccatura con i suoi stessi clienti?

Tutto è possibile.

In mancanza di alternative, sembra che ci troviamo di fronte alla naturale evoluzione del mercato.

OngMengOS potrebbe essere la salvezza di un sistema con Android come unico OS open source preso in considerazione dalle aziende.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here