CONDIVIDI
missi italia

Lo scandalo delle foto hot di Carlotta Maggiorana sembra non avere fine, e potrebbe davvero avere delle conseguenze molto gravi, tanto da vedere la neo eletta miss italia, perdere immediatamente il titolo a favore dalle seconda, Fiorenza D’Antonio, che si troverebbe così incoronata del titolo.

Il verdetto è previsto per domani, come annuncia direttamente Patrizia Mirigliani, patron di Miss Italia, durante la trasmissione Domenica In.

“C’è una commissione di garanzia che si occupa della vicenda. Stiamo aspettando di avere tutti gli elementi e martedì gli avvocati della commissione comunicheranno se ci sia stata o no la violazione del regolamento. Ricordo che le fotografie risalgono a un backstage di una pubblicità di alcuni anni fa, non sono consenzienti, sono “rubate”  e che avendo aumentato l’età delle miss c’è da aspettarsi che alle spalle abbiano delle esperienze. Carlotta è la più grande di tutta la storia del concorso”, spiega, facendo capire come la situazione si sia fatta davvero seria, tanto da mettere in discussione l’esito stesso della manifestazione.

Carlotta Maggiorana ha comunque vinto, sotto il punto di vista del concorso, il suo trionfo è innegabile, potrebbe però perdere il titolo ufficiale, con i relativi guadagni legati a sponsor e accordi vari.

La Miss Italia 2018, ai microfoni di Fabio Fazio, la Maggiorana ha detto di essere piuttosto tranquilla, e di non avere preoccupazioni sull’eventuale squalifica dovuta alle foto hot circolate in rete.

Ha spiegato inoltre come le foto siano rubate, senza alcun consenso: “Sono foto rubate, senza il mio consenso. Quindi io sono tranquilla. La corona resta attaccata alla mia testa”. Non ci sarebbero quindi gli estremi per la squalifica, almeno a parere della stessa miss.

Siamo sicuri comunque che il clamore mediatico della faccenda potrebbe comunque fruttare parecchio alla forse, ex miss italia, che si troverebbe a vestire i panni della prima reginetta deposta dal trono.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here