CONDIVIDI
Evra passa al Marsiglia, addio Juve

Il difensore francese ha accettato la destinazione Olimpique Marsiglia, ha firmato un contratto di 18 mesi.

Patrice Evra ha deciso di trasferirsi a Marsiglia dall’ex tecnico della Roma, Rudi Garcia. Lascia immediatamente la Juventus. È ufficiale.

Il Marsiglia ha dunque avuto la meglio sull’esterno sinistro della Juventus battendo la serrata concorrenza di un altro club francese, il Lione.

Firmato un contratto di 18 mesi e con visite mediche lampo per Evra che dunque lascia la Juventus dopo più di due stagioni.

La società bianconera ha salutato l’esterno francese e ha ringraziato il giocatore per l’apporto dato in questi 2 anni attraverso i propri canali social, con pubblicazione di foto e video, sottolineando, ad esempio la “Classe e carisma” del giocatore su twitter.

Nel comunicato della Juventus si legge: ‘Termina l’avventura di Patrice Evra in bianconero. Il giocatore francese proseguirà la sua carriera nell’Olympique Marsiglia, cui è stato ceduto a titolo definitivo. Quando, due anni e mezzo fa, Patrice sbarcò a Torino, si capì subito che alla Juventus non era arrivato un giocatore come gli altri. Esperienza internazionale, leadership, capacità di affrontare anche le sfide più importanti con il carisma che pochi calciatori possono vantare di possedere, sommate ovviamente a una grande classe in campo. Queste sono solo alcune delle caratteristiche che, fin da subito, Evra ha dimostrato in bianconero: in due anni e mezzo, Pat ha messo insieme in tutte le competizioni 82 presenze, per un totale di quasi 7 mila minuti, quasi tutti sulla fascia sinistra del campo. Tre gol, sette assist, ma soprattutto 202 cross su azione, 76 occasioni create, 301 possessi recuperati e 122 intercetti. Sono numeri di un campione, ma i numeri da soli non sono sufficienti a raccontare Evra’

Il comunicato molto lungo della società bianconera continua, evidenziando inoltre le grandi doti di spogliatoio di Patrice e concludendo con un più classico saluto: ‘Buona fortuna, Pat, e grazie di tutto’.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here