CONDIVIDI

In questi giorni si sente sempre più parlare di “diritto alla disconnessione”, ovvero della possibilità, per tutti i lavoratori ma in particolare per quelli che lavorano in smart working o che essendo autonomi o liberi professionisti lavorano da casa, di non rispondere a email, notifiche o richieste se ormai il turno di lavoro è terminato. La legge italiana ormai infatti stabilisce che ci debbano essere almeno 11 ore consecutive di riposto e che non si debba per forza rispondere a richieste che arrivano dopo aver terminato la propria giornata lavorativa, anche se questa dovesse svolgersi da casa, tramite un PC.

 

 

Diritto alla disconnessione: che cos’è esattamente e a che cosa serve, le caratteristiche e quale categoria di lavoratori riguarda

 

 

Il diritto alla disconnessione è nato negli ultimi anni, come conseguenza del fatto che i dispositivi tecnologici e la rivoluzione digitale hanno reso le persone sempre più attaccate al proprio cellulare, soprattutto i lavoratori. Il telefono infatti è un mezzo di comunicazione importante anche per il lavoro e con questo si possono mandare anche email, oltre che messaggi. Per questo, spesso molti rispondono ai datori di lavoro anche quando la loro giornata lavorativa è terminata, ma questo è sbagliato. Addirittura a volte alcune persone si sentono rimproverare da chi invia il messaggio, in quanto tale soggetto sottolinea che la risposta non è arrivata subito. Ora la legge stabilisce che pretese del genere non vanno minimamente bene e che quindi il lavoratore ha tutto il diritto a riposarsi.

 

A chi è rivolto

 

Il diritto in questione è stato ufficialmente riconosciuto a quanto pare vale per tutti i lavoratori, ma soprattutto per coloro che sono in smart working e che lavorano da casa. In questo modo infatti non saranno più tenuti a sentirsi obbligati di avere sempre il cellulare vicino o il PC per controllare se arrivano richieste. In questo modo infatti si rischia di non smettere mai di lavorare, mentre la legge sottolinea che servono almeno 11 ore consecutive libere.

 

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here