CONDIVIDI

La dipendenza da cellulare colpisce non solo i giovani e gli adolescenti, ma in alcuni casi anche le persone adulte possono cadere in questa “rete” e in tal caso è opportuno contattare un esperto e farsi aiutare.

 

Dipendenza da cellulare: le caratteristiche e i sintomi

 

La dipendenza da cellulare si può indicare con il nome di “nomofobia”, termine che indica il timore di rimanere scollegati dal proprio telefono e che fa temere il soggetto a sentirsi come “fuori dal mondo”, perché non collegato con i social o con altre applicazioni.

In alcuni casi il fatto che queste ultime inviano continue notifiche, può portare alcune persone a sentire come l’obbligo di controllare in continuazione se sono arrivati avvisi o sentirsi addirittura obbligati a rispondere subito ai messaggi. Nel momento in cui questo controllo porta a ignorare gli altri e tagliare fuori dalla propria vita la vera socialità, ovvero quella che si può fare fuori dalla rete, fuori dal proprio telefono, allora può esserci un problema ed è il caso di contattare un esperto, soprattutto se il soggetto sviluppa un controllo compulsivo e ossessivo.

 

Le altre caratteristiche

 

Tra le altre caratteristiche che possono portare alla dipendenza in questione, vi è il fatto di avere paura di perdere le informazioni o avere atteggiamenti che diventano vere e proprie ossessioni, come controllare ogni minuto le notifiche o le chat oppure iniziare a essere scontrosi quando il proprio telefono è scarico o non prende bene. Certamente, è il caso di contattare un esperto quando tutti questi atteggiamenti portano a un vero e proprio isolamento della persona, da tutte le altre intorno a lei e da tutte le attività che non hanno a che fare con il cellulare. Se anche solo si sospetta di avere una dipendenza del genere, si consiglia di parlarne con un esperto, per risolvere al meglio la problematica.

 

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here