CONDIVIDI
Corrado Guzzanti 2019

Icona comica e satirica della televisione di un tempo, Corrado Guzzanti ha vissuto un periodo difficile che finalmente racconta nel corso di un’intervista:

“Per un lungo periodo ho avuto difficoltà a dormire per gli incubi e gli scoppi di pianto nel sonno. Questa cosa mi imbarazza ma per fortuna, grazie alla mia compagna che mi è rimasta sempre vicina a farmi coraggio, con molta lentezza ho ripreso a vivere. Ero in difficoltà anche a fare la spesa“.

Nel parla direttamente in aula, presso il Tribunale di Roma.

Il personaggio televisivo, padre di trasmissioni straordinarie e personaggi entrati nella memoria della comicità nazionale, è stato raggirato finendo per ritrovarsi con debiti milionari e avvisi di pignoramento.

Ogni volta che viene pronunciato il suo nome è una pugnalata al cuore. Il trauma emotivo, posso dire ora a cinque o sei anni di distanza, è stato più forte di quello economico e finanziario”.

E’ così che Guzzanti parlade del manager Terenzio Valerio Trigona.

“Il nostro rapporto professionale  inizia nel 1994 e dura 19 anni, fino al 2013″.

“Con Trigona era nata una collaborazione professionale che ben presto era diventata anche una intensa amicizia contraddistinta, ritenevo purtroppo a torto, da un rapporto di reciproca fiducia. E invece hanno svuotato sistematicamente i miei conti bancari con la incredibile accondiscendenza degli operatori di sportello“.

Ho scoperto di essere talmente rovinato che 500 euro mi avrebbero fatto comodo“. Ha spiegato poi Guzzanti.

Ha raccontato poi di essere andato avanti a scatolette di tonno per sopravvivere.

“Nel 2014 me la sono cavata con due o tre lavori che mi hanno permesso di guadagnare abbastanza per pagare le tasse e la casa e sono stati come una specie di terapia per ripartire. Poi nel 2015 è arrivato un nuovo progetto”.

Una storia segreta che si è consumata nel silenzio e che ha portato Guzzanti sul lastrico per un lungo periodo.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here