CONDIVIDI

Sempre più persone ricorrono alle conoscenze sui social e questo, secondo molti studiosi, potrebbe proprio essere dovuto alla pandemia. Le restrizioni che sono state stabilite per cercare di contenere i contagi, potrebbero aver spinto tante persone a sentire il bisogno di parlare con qualcuno e questo potrebbe proprio aver portato ad un uso maggiore dei canali social, dato che ci sono stati diversi lockdown e non sempre è stato possibile uscire. Addirittura, ci sono coppie se si sono fidanzate online senza nemmeno essersi mai visti, ma non solo. In tanti cercano anche amicizia o semplicemente una chiacchierata, proprio tramite i social. Se questo si svolgeva già prima della pandemia, ora a quanto pare il fenomeno sembrerebbe essere cresciuto.

 

 

Conoscenze sui social: è boom, ecco perché

 

Le conoscenze sui social sono sempre più ricercate e questo potrebbe essere dovuto proprio alla pandemia. Per via di quest’ultima infatti sempre più persone si sono sentite sole e in più non era possibile sempre uscire, date le restrizioni.

Proprio per questo, per tanti è accresciuto il desiderio di parlare con qualcuno e spesso infatti ci sono persone che iniziato a chattare anche con sconosciuti, per cercare di colmare questo bisogno.

Dall’altra parte poi c’è anche chi cerca una vera e propria relazione online. Se questo si svolgeva già prima dell’inizio della pandemia, ora però sembrerebbe essersi diffuso sempre di più.

 

Il languore

 

Oltre a questo, secondo alcuni studiosi, molte persone proverebbero uno status chiamato “languore” ovvero una sensazione di incertezza dovuta proprio alla presenza della pandemia. Anche questo infatti potrebbe aver portato ad alcuni soggetti la necessità di sentire qualcuno, di parlare con altri, anche se tramite i social. Sebbene molti pensano che questo possa essere un bisogno delle persone che appartengono alle fasce di età più mature, in realtà sembrerebbe essere tipico della fascia giovanile. Sono molti infatti i giovani che hanno accusato ancora di più le conseguenze della pandemia, dal punto di vista dell’umore.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here