CONDIVIDI

La catena del libro sospeso, la nuova iniziativa per stimolare la lettura, sta spopolando in tutte le librerie d’Italia, coinvolgendo un gran numero di lettori. Il meccanismo consiste nell’acquistare un libro e lasciarlo a qualcun altro in libreria a titolo gratuito e lo stesso farà chi lo prende. Per sapere chi l’ha donato o l’ha ricevuto basta chiedere in libreria. Questo meccanismo ricorda molto la tradizione nata a Napoli di lasciare un caffè pagato per chi non può permetterselo e con lo stesso atto di generosità si riesce a diffondere la cultura e l’amore per i libri.

La catena è partita dalla Libreria Ex Libris Cafè Di Polla, Salerno dove i clienti che comprano un libro, ne lasciano uno per i ragazzi dai 10 ai 18 anni che il libraio donerà entro una settimana al primo ragazzo che entrerà nella libreria. Il progetto è stato subito accolto anche al nord, dalla libreria Il mio libro di Milano fino a Palermo dalla Libreria Modusvivendi. Il primo libro donato è stato David Golder di Irene Némirovsky, che un cliente ha lasciato alla cassa per chi lo volesse. L’idea per quanto sembrasse folle è risultata un vero successo. Il responsabile ha lanciato l’invito sui social network di Facebook e Twitter creando l’hashtag #librosospeso e in sei giorni più di 50 libri sono passati da persona in persona e dopo 3 settimane i libri sospesi sono diventati 150.

Insomma, una vera e propria catena della cultura che si spera continuerà a coinvolgere molte altre librerie d’Italia e sempre più lettori a fare e ricevere un regalo.

UN COMMENTO

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here