CONDIVIDI

Un’annata positiva, nonostante il periodo di crisi“. Si dice soddisfatto Carlo Cremona, presidente dell’Omovies Film Festival, rassegna di Cinema omosessuale, transgender e questioning, a proposito dell’ottava edizione della manifestazione tenutasi a Napoli lo scorso dicembre. Le tematiche trattate nel film festival saranno portate al GURT 2015, un convegno organizzato dalla Georgetown University denominato Diversity and Super-Diversity: Sociocultural Linguistic Perspectives.

Omovies è arrivato all’ottava edizione ed è già partito su internet il bando per la prossima“, afferma Cremona a nostri microfoni. “Quest’anno l’università di Napoli L’Orientale ha presentato al GURT 2015 dei banner di studio sul tema diversity & super-diversity, avendo l’opportunità di dimostrare a un palcoscenico mondiale i progetti che passano attraverso il nostro film festival. Noi ne siamo onoratissimi, anche perchè credo sia l’unico progetto italiano che vedremo al GURT e avrà tre ore di simposium dedicato.

Continua il presidente del film festival: “Omovies nel 2010 stato considerato nel 2010 una buona prassi dall’ufficio UNAR e menzionato nel Libro Bianco Europeo. Questo ulteriore riconoscimento internazionale pone quindi un altro tassello di eccellenza su questo progetto tutto Made in Naples e che porta Napoli, la Campania e l’Italia in vetrina. In un anno in cui saremo protagonisti anche con l’Expo di Milano. Speriamo che questo possa costituire una spinta decisiva per far comprendere alle amministrazioni locali – ancora poco attente sul tema – l’importanza di questo tipo di organizzazioni. Siamo invece pienamente soddisfatti del rapporto che si è consolidato nell’ultimo anno coi soggetti privati, in particolare con Lancia e Motor Village di Napoli.

Il progetto che vedrà protagonista Omovies al GURT sarà diretto da Giuseppe Balirano, docente di linguistica all’università di Napoli L’Orientale.

Quello oggetto del GURT è un tema molto sensibile soprattutto in campo sociolinguistico. Abbiamo voluto rappresentare dunque, attraverso i cambiamenti della lingua – applicati alla dimensione filmica – nuove realtà, nuovi attori sociali emergenti“, afferma Balirano. “Proponiamo Omovies perchè un corpus immenso di film e cortometraggi per conoscer realtà di tipo diverso non solo dal punto di vista sociolinguistico ma anche di tipo cinematografico e sociale. Il team che abbiamo costituito è composto non solo da linguisti ma anche da storici del cinema e semiologi. Vedremo la situazione da un punto di vista diverso: sarà particolarmente interessante vedere la reazione degli Stati Uniti, essendo la tematica proposta differente rispetto alle altre. Siamo già sorpresi positivamente dallo spazio che ci hanno concesso all’interno dell’evento.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

20 − quattordici =