CONDIVIDI

Era il lontano 1964 l’anno in cui A hard day’s night, il lungometraggio che ha consacrato a star mondiali quei 4 ragazzi che partendo da Liverpool avrebbero rivoluzionato la storia della musica, ha fatto la sua prima apparizione nelle grandi sale. Il ’64 è l’inizio della beatlemania: i Beatles, all’apice del successo, iniziano a trasformarsi in mito, dando origine a quella psicosi collettiva che coinvolgerà milioni di fan in tutto il mondo. A distanza di 50 anni, nel 2014, abbiamo la possibilità di rivivere quell’atmosfera di gran fermento: quel film musicale fa ritorno sui grandi schermi in una versione restaurata 4K e con audio rimasterizzato.

Diretto da Richard Lester (lo stesso che dirigerà Help! un anno dopo), il film può essere considerato l’antesignano dei videoclip musicali contemporanei, che ne anticipa di diversi decenni tecniche e stilemi. Oggi, è la Criterion Collection ad occuparsi dell’operazione di restauro, lavorando direttamente sui negativi originali in 35 mm e utilizzando le tecnologie più sofisticate per mantenere intatte le caratteristiche della stampa originale.

Il viaggio dei 4 ragazzi inglesi dalla città natale a Londra, in cui sono attesi per un’esibizione televisiva, diventa pretesto per un’avventura spassosa della durata di due giorni e una notte, tra treni, stanze di hotel, palcoscenici, Ringo che si perde a Londra, e dovendo pure pensare al nonno di Paul McCartney, il tutto condito dal tipico humour British che va a impreziosire dialoghi assolutamente surreali.

La versione italiana, che approderà al cinema nelle sole giornate del 9- 10 e 11 giugno, è distribuita da Nexo Digital con i media partner Radio DEEJAY, Radio Capital, MYmovies.it e i Beatlesiani d’Italia Associati. La lista delle sale che proietteranno la pellicola è consultabile al sito www.nexodigital.it.

Sia che abbiate già visto Freda Kelly- La segretaria dei Beatles, sia che ve lo siate persi, è il caso di tornare al cinema per A hard day’s night.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here