CONDIVIDI

Un brano inedito di Pino Daniele, presentato solo una volta dal vivo e conservato nell’archivio di Federico Vacalebre, è stato diffuso in queste ore di grande commozione e tumulto. “Sud voglio morire con te”, un titolo che proprio oggi risuona con la forza di un boato, soprattutto quando si arriva all’invocazone finale dell’artista: Sud, scavame ‘a fossa, voglio murì cu te.

La canzone è inedita perché non è mai stata incisa dal cantante, ma è stata interpretata dal vivo nel 1983 vivo in occasione di un concerto al Palasport di Napoli.

Sud, scavame ‘a fossa, / voglio muri’ cu te! / Mmiez’ ‘e penziere d’ ‘a gente / dint’ ‘a chest’aria ‘e turmiente. / Sud, scavame ‘a fossa, / voglio muri’ cu te… / ‘Ncopp’ ‘o presepio a Natale, / dint’ a ‘nu cuopp’ ‘e giurnale.

E ogge, ca i’ passo ‘a ‘nu munno a n’ato, / a me mme pare quase tutt’ ‘o stesso.

‘E mamme, ‘e figlie, ‘e viecchie, ‘e mariuole, / si stanno a Sud / fanno cchiù rummore.

Nuje nun simmo mangiaspaghetti, / nuje nun simmo né terrone e né fasciste: / nuje ch’ammo jettato ‘o sanghe / int’a sta Storia, / partimmo pe’ turna’ / addo’ simmo nate.

Partimmo, pe’ gghì a truva’ / chello ch’ammo lassato.

Ma pecché? / Sud, scavame ‘a fossa, / voglio muri’ cu te!

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

16 + 9 =