CONDIVIDI

Soprattutto sul web si sente sempre di più parlare di neuromarketing, termine che fa riferimento a una parte del marketing, che detiene particolari caratteristiche.

 

 

Neuromarketing: di che cosa si tratta, le caratteristiche e tutti gli elementi che lo compongono

 

 

Il Neuromarketing è un ramo che fa parte del marketing, ma che riesce a unire quest’ultimo con alcune tecniche e/o caratteristiche tipiche delle neuroscienze. Quando si punta su tale disciplina, si mira a comprendere quali siano i pensieri dei consumatori, le loro abitudini comportamentali e si mira anche a studiare come reagirebbero a determinati prodotti e/o servizi, al fine di capire come potrebbero andare le possibili vendere, ma non solo.

Le tecniche di neuromarketing infatti possono essere usate anche per cercare di convincere il più possibile il potenziale cliente ad acquistare o comunque a interessarsi a quella determinata merce. Le strategie che si usano in questo senso sono varie e tra queste vi è quella di optare per elementi multimediali, ma anche foto e colori che riescano a sollevare la curiosità dell’utente stimolando i suoi sensi. Si pensi per esempio a fotografie dei volti umani: secondo diversi studi di neuromarketing infatti sfruttare un elemento del genere aiuta a catturare in misura maggiore l’attenzione.

 

Le altre caratteristiche

 

Ovviamente gli elementi caratterizzanti del tipo di marketing in questione non si limitano a quelli indicati, ma è anche vero che tutto ciò che viene utilizzato mira, come accennato, a lavorare sulle percezioni sensoriali delle persone e in particolare sulla vista. Un colore verde ad esempio può stimolare nella mente il pensiero relativo all’ambiente e un brand che sottolinea la propria lotta per la sostenibilità e usa immagini con questa tonalità sarà più credibile rispetto ad altri che usano colorazioni differenti nei loro spot. Questo è solo un esempio, ma il neuromarketing funziona proprio in questo modo, perché appunto mira a convincere e incuriosire tramite le tecniche delle neuroscienze.

 

 

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here